top of page

Beirut - Vertice arabo: Priorità a rifugiati e sicurezza

Assadakah Beirut - Il ministro ad interim degli Affari esteri e degli espatriati, Abdallah Bou Habib, e il segretario generale della Lega Araba, Ahmed Aboul Gheit, hanno tenuto una conferenza stampa congiunta, in cui hanno illustrato le discussioni che hanno avuto luogo durante la riunione consultiva dei ministri degli Esteri arabi tenutasi all'Hotel Al Habtoor di Sin El Fil. Bou Habib ha esordito esprimendo gratitudine per “questa ampia partecipazione araba all'incontro, che ha avuto successo sotto tutti gli standard, grazie alla collaborazione tra noi e Sua Eccellenza il Segretario Generale della Lega Araba, mio ​​fratello Ahmed Aboul Gheit e la sua squadra. " Ha aggiunto: “Ho sentito da tutti i ministri e capi delegazione tutta la devozione e la solidarietà per il Libano nella sua crisi, perché tutti sono ansiosi di riprenderlo al più presto... e tutti hanno ritenuto che partecipare a questo incontro, di per sé, è un messaggio di sostegno e sostegno al Libano”.


Bou Habib ha proseguito: "Questo incontro è ospitato dal Libano nella sua qualità di attuale capo del Consiglio dei ministri arabo ed è dedicato alla consulenza sugli sviluppi e le sfide che la regione e il mondo devono affrontare. Posso dire che le discussioni che hanno avuto luogo sono state in larga misura trasparenti e c'è stato uno scambio di opinioni in modo responsabile e serio, che ha portato a maggiori riavvicinamenti su diverse questioni e approcci pratici alle questioni sollevate".

A sua volta, il segretario generale della Lega Araba, Aboul Gheit ha spiegato che la riunione consultiva si svolge durante la presidenza di uno Stato e tra le riunioni ufficiali del Consiglio di Lega, che si riunisce una volta all'inizio di marzo e di nuovo all'inizio di settembre. "Tra questi due incontri, i ministri arabi hanno concordato di tenere un incontro consultivo senza alcuna formalità, durante il quale si scambiano discussioni su qualsiasi argomento, e quindi alla fine non vengono emessi documenti scritti o decisioni".

Su sostegno al Libano, Aboul Ghet ha affermato: "Il sostegno è morale, perché la Lega Araba non può fornire gas o elettricità, ma può esortare le persone a trasferirsi, poiché è un processo morale informare l'umanità che c'è un problema e deve sforzarsi di risolverlo".

Sulla questione della demarcazione del confine, ha affermato: "Siamo con l'intero stato libanese e la Lega araba ha posizioni molto chiare. Il supporto morale e legale è pienamente disponibile per lo stato libanese".


Sul dossier sullo sfollamento siriano, Aboul Gheit ha fatto riferimento a "questioni molto intrecciate che non si risolvono con un'unica decisione", osservando che "la situazione siriana, come stiamo assistendo, è il risultato di una guerra civile e di una massiccia distruzione, e tutti sono parlando di almeno 500 miliardi di dollari necessari per riabilitare le infrastrutture siriane in modo che le persone possano vivere...” Ha aggiunto: “Lì c'è l'intenzione e c'è la decisione [per il ritorno degli sfollati], ma la volontà del la comunità internazionale per porre fine alla guerra siriana sta ancora esercitando pressioni sulla situazione libanese, siriana, giordana ed egiziana, e in tutta la regione ci sono pressioni”.

Sulle relazioni arabo-libanesi, Aboul Gheit ha dichiarato: “Il Libano è pienamente compiacente e ho ascoltato il Presidente Aoun, il Ministro degli Affari Esteri, il Primo Ministro, il Presidente del Parlamento, e tutti hanno detto che la riconciliazione è in arrivo e che adesso c'è soddisfazione Golfo-libanese per il rapporto, e non dimentichiamo che ci sono due ministri del Golfo che hanno partecipato all'incontro e anche quattro delegati. Ciò riflette il desiderio dei paesi di sanare le fratture e stabilire un buon rapporto".

In risposta a una domanda sullo status della Siria nella Lega Araba, ha affermato: "La questione sarà sollevata per ulteriori discussioni, perché ci sono opinioni che parlano di un quadro completo per affrontare la situazione siriana".

bottom of page