top of page

La calligrafia araba è entrata a far parte del patrimonio Unesco



Assadakah News - Letizia Leonardi

Il patrimonio Unesco si è arricchito di un altro bene da preservare. Questa volta non si tratta di beni immobili di pregio o di una bellezza naturalistica ma di una calligrafia, considerata di eccezionale bellezza. Si tratta della calligrafia araba che è entrata a far parte del patrimonio immateriale Unesco, un riconoscimento che preserverà, nel tempo, questa antichissima pratica artistica del mondo arabo-musulmano. L'idea di inserire la scrittura araba è stata dell'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Educazione, la Scienza e la Cultura (Unesco) ed è stata appoggiata da sedici Paesi, soprattutto dall'Arabia Saudita. La notizia è stata annunciata su Twitter dalla stessa agenzia delle Nazioni Unite. Ad accogliere con soddisfazione la decisione è stato Il ministro della cultura saudita Badr bin Abdullah bin Farhane che ha affermato che la calligrafia araba è la pratica artistica di scrivere a mano in modo fluido ed esprime armonia, grazia e bellezza. Non a caso questo tipo di scrittura è un importante simbolo del mondo arabo-musulmano. Anche Abdelmajid Mahboub, dirigente della Saudi History Preservation Society, una ONG coinvolta nel progetto, ha avuto parole di apprezzamento e ha fatto notare che molte persone non scrivono più a mano a causa delle nuove tecnologie che hanno sostituito la penna e quindi ben venga questa decisione. "Il numero di artisti specializzati in calligrafia araba - ha dichiarato Mahboub- si è drasticamente ridotto e quindi l'aver inserito la scrittura araba nel patrimonio immateriale dell'Unesco avrà sicuramente un impatto positivo sulla sua conservazione". Ma cosa si intende per patrimonio culturale immateriale o definito anche "patrimonio vivente"? Si tratta di beni immateriali che, dai nostri avi, vengono tramandati alle nuove generazioni. Sono soprattutto tradizioni, arti dello spettacolo, pratiche sociali, rituali ed eventi che sarebbe un peccato perdere nell'oblio con il passare dei secoli.

bottom of page