top of page

107a Commemorazione del Genocidio Armeno

Assadakah Roma News - Oggi, 24 aprile, gli armeni di tutto il mondo commemorano il 107° anniversario del genocidio.

Il genocidio armeno - l'uccisione sistematica e premeditata di oltre 1,5 milioni di armeni, fu perpetrato dal governo dei Giovani Turchi in varie regioni dell'Impero Ottomano a partire dal 1915 durante la prima guerra mondiale.

Il termine Genocidio è stato coniato dall'avvocato ebreo polacco Raphael Lemkin nel 1944, la cui famiglia è stata una delle vittime dell'Olocausto. Definendo questo termine, Lemkin ha cercato di descrivere la politica nazista di omicidio sistematico, violenza e crudeltà e atrocità commesse anche contro gli armeni nell'impero ottomano nel 1915.

La prima reazione internazionale alle violenze sfociò in una dichiarazione congiunta di Francia, Russia e Gran Bretagna, nel maggio 1915, in cui le atrocità turche dirette contro il popolo armeno furono definite come "nuovo crimine contro l'umanità e la civiltà" concordando sul fatto che il governo turco doveva essere punito per aver commesso tali reati.

Quando scoppiò la prima guerra mondiale, il governo dei Giovani Turchi, sperando di salvare i resti dell'indebolito impero ottomano, adottò una politica di panturchismo: l'istituzione di un mega impero turco comprendente tutti i popoli di lingua turca del Caucaso e dell'Asia centrale che si estendeva alla Cina, con l'intenzione anche di turkificare tutte le minoranze etniche dell'impero. La popolazione armena divenne il principale ostacolo sulla via della realizzazione di questa politica.

Sebbene la decisione per la deportazione di tutti gli armeni dall'Armenia occidentale (Anatolya orientale) fosse stata adottata alla fine del 1911, i Giovani Turchi usarono la prima guerra mondiale come un'opportunità adatta per la sua attuazione. C'erano circa due milioni di armeni che vivevano nell'impero ottomano prima della prima guerra mondiale. Oltre un milione e mezzo di armeni furono uccisi dal 1915 al 1923. Coloro che sopravvissero furono islamizzati o esiliati, o trovarono rifugio in diverse parti del mondo.

La prima fase del genocidio armeno iniziò il 24 aprile 1915 con l'arresto di diverse centinaia di intellettuali armeni e rappresentanti dell'élite nazionale (principalmente nella capitale dell'Impero Ottomano, Costantinopoli) e la loro successiva eliminazione. In seguito, gli armeni di tutto il mondo hanno iniziato a commemorare il genocidio armeno il 24 aprile.

La seconda fase è stata la coscrizione forzata di circa 60.000 uomini armeni nell'esercito turco, che sono stati successivamente disarmati e assassinati.

La terza fase del genocidio è stata l'esilio e il massacro di donne, bambini e anziani nel deserto siriano. Centinaia di migliaia di persone sono state uccise da soldati turchi, agenti di polizia, bande curde e circasse durante la deportazione. Altri sono morti di malattia. Migliaia di donne e bambini hanno subito violenze. Decine di migliaia sono stati islamizzati con la forza.

Infine, l'ultima fase del genocidio armeno è apparsa con la totale e assoluta negazione da parte del governo turco delle uccisioni di massa e dell'eliminazione della nazione armena dalla sua patria. Nonostante il continuo riconoscimento internazionale del genocidio armeno, la Turchia ha costantemente combattuto l'accettazione del genocidio armeno con ogni mezzo, compresa la falsificazione di fatti storici, campagne di propaganda, lobbying, ecc. Il 9 dicembre 1948 le Nazioni Unite hanno adottato la Convenzione sulla Prevenzione e punizione del crimine di genocidio, secondo il quale il genocidio è definito come un crimine internazionale e gli Stati firmatari sono obbligati a prevenire, nonché a punire gli autori del genocidio. Il genocidio armeno da parte del governo ottomano è stato documentato, riconosciuto e affermato sotto forma di resoconti dei media e di testimoni oculari, leggi, risoluzioni e dichiarazioni da molti stati e organizzazioni internazionali. Il catalogo completo di tutti i documenti che classificano il massacro diffuso del 1915-23 della popolazione armena nell'impero ottomano come atto di genocidio premeditato e completamente eseguito, è decisamente ampio.

Comments


bottom of page