top of page

Cop27 - “Today and tomorrow”, Unicef per il clima

Assadakah Cairo - Alla Conferenza Internazionale ONU sul Clima in corso a Sharm el Sheikh, l’Unifec presenta l’iniziativa di finanziamento per migliorare la resilienza climatica e la preparazione alle eventuali inevitabili catastrofi per bambini e giovani.

L'iniziativa Today and Tomorrow è una soluzione di finanziamento integrata per il cambiamento climatico che, per la prima volta, combina il finanziamento di programmi di immediata resilienza climatica e di prevenzione dei rischi per i bambini di oggi, con un uso innovativo del finanziamento del trasferimento del rischio fornito dal mercato assicurativo per i disastri ciclonici di domani. La piattaforma di finanziamento combinata è progettata per aiutare i Paesi ad affrontare gli impatti attuali e crescenti della crisi climatica, preparandosi al contempo alle emergenze future e rispondendo rapidamente a esse quando si verificano.

"I rischi del cambiamento climatico non sono più ipotetici. Sono qui. E anche mentre lavoriamo per costruire la resilienza delle comunità contro i disastri climatici, dobbiamo diventare molto più bravi a prevenire i rischi per i nostri bambini", ha dichiarato Karin Hulshof, vicedirettore generale dell'Unicef per le Partnership. "Sappiamo che ci saranno altri disastri climatici. Solo che non sappiamo dove e quando colpiranno". I bambini e i giovani sono un gruppo di popolazione gravemente vulnerabile, tra i più colpiti dal rischio di disastri e dai cambiamenti climatici, compresi gli effetti di eventi meteorologici estremi come i cicloni. L'anno scorso, l'Indice di rischio climatico per i bambini dell'Unicef ha stimato che 400 milioni di bambini (quasi 1 bambino su 6 a livello globale) sono attualmente altamente esposti ai cicloni. Nel progetto pilota iniziale di tre anni, Today and Tomorrow dell'Unicef si concentrerà su otto Paesi in quattro bacini ciclonici globali: Bangladesh, Comore, Haiti, Figi, Madagascar, Mozambico, Isole Salomone e Vanuatu. Per portare avanti questo impegno, l'Unicef sta raccogliendo 30 milioni di dollari per l'iniziativa e chiede ad altri partner pubblici e privati di intervenire e di unirsi all'Unicef per contribuire a colmare il crescente deficit di finanziamenti umanitari per la protezione dei bambini e dei giovani dalle catastrofi.

I danni causati dal clima durante l'infanzia si protraggono per tutta la vita e perpetuano e approfondiscono le disuguaglianze e la povertà tra le generazioni. Tuttavia, le esigenze specifiche dei bambini non sono affrontate direttamente dai meccanismi di trasferimento del rischio esistenti. Ciò lascia un vuoto di finanziamento umanitario globale, o "vuoto di protezione dell'infanzia", che riguarda centinaia di milioni di bambini e ragazzi.

Today and Tomorrow dell'Unicef è il primo meccanismo di finanziamento del rischio di catastrofi climatiche preordinato e basato su eventi che si rivolge specificamente a questa lacuna di protezione dell'infanzia, con il pieno sostegno per la parte Tomorrow dello strumento di trasferimento del rischio, assicurato dai governi tedesco e britannico nell'ambito dello Scudo globale contro i rischi climatici lanciato di recente dal G7 e dal V20.

"Siamo lieti di sostenere l'Unicef nel portare avanti il primo strumento di protezione finanziaria al mondo incentrato sui bambini per i rischi legati al clima e di mostrare il nuovo Scudo Globale G7/V20 contro i rischi climatici al lavoro", ha dichiarato Heike Henn, direttore del Ministero tedesco per la Cooperazione Economica e lo Sviluppo (BMZ). "Ci aspettiamo che l'Iniziativa Today and Tomorrow dell'Unicef produca risultati in tre aree: in primo luogo, una maggiore adozione di soluzioni di finanziamento del rischio ex-ante da parte dei governi attraverso la condivisione delle conoscenze e una maggiore familiarità con gli strumenti di finanziamento del rischio; in secondo luogo, una migliore resilienza istituzionale e operativa agli shock da parte delle istituzioni di sviluppo e, in terzo luogo e soprattutto, la riduzione del divario di protezione dal rischio di catastrofi per le persone più vulnerabili, in particolare i bambini e le madri".

"Il Regno Unito è orgoglioso di essere un partner del nuovo Scudo globale contro i rischi climatici e di catastrofe e di cofinanziare lo Strumento finanziario dello Scudo globale", ha dichiarato Andrew Mitchell, ministro di Stato del Ministero degli Esteri, del Commonwealth e dello Sviluppo del Regno Unito. "Siamo fortemente a favore dell'introduzione di finanziamenti preordinati e basati su cause scatenanti nel settore umanitario e sono lieto che lo Strumento amplierà il suo lavoro nell'ambito dello Scudo, compresa questa nuova sovvenzione all'Unicef per consentire di proteggere fino a 15 milioni di bambini, giovani e le loro famiglie in Africa, Caraibi, Asia e Pacifico e di rispondere rapidamente in caso di cicloni tropicali".

I cicloni e i disastri che essi scatenano, come inondazioni e frane, rappresentano la categoria di disastri influenzati dal clima in più rapida crescita e sono una delle principali cause di perdite e danni in tutto il mondo. La ricerca dell'Unicef ha dimostrato che gli investimenti che riducono l'esposizione e gli impatti negativi dei cicloni e di altri pericoli possono ridurre notevolmente il rischio climatico complessivo per milioni di bambini.

"L'Unicef è la prima istituzione delle Nazioni Unite, nonché una delle maggiori organizzazioni umanitarie a livello mondiale, a sottoscrivere una copertura contro il rischio di catastrofi su misura per la protezione dei bambini, dei giovani e dei genitori, in particolare delle madri", ha dichiarato Simon Young, senior director del Climate and Resilience Hub di WTW, la società di consulenza che ha progettato la soluzione assicurativa. “L'Unicef è pioniere del proof of concept (dimostrazione di fattibilità) per altre organizzazioni del settore. L'azione decisiva dell'Unicef può essere un catalizzatore per un finanziamento delle crisi umanitarie più efficiente, affidabile e rapido".

Oltre a sollecitare i governi e le grandi imprese a ridurre rapidamente le emissioni, l'Unicef esorta i leader ad agire immediatamente per proteggere i bambini dalla devastazione climatica, adattando i servizi sociali critici su cui fanno affidamento. L'Unicef esorta inoltre le parti a trovare e finanziare soluzioni per sostenere coloro che dovranno affrontare perdite e danni causati dal clima oltre i limiti a cui le comunità possono adattarsi.

Commentaires


bottom of page