top of page

Armenia - EAFJD condanna aggressione azera

Assadakah Yerevan - La Federazione Armena Europea per la Giustizia e la Democrazia (EAFJD) esprime il suo profondo rammarico e la forte condanna per la recente dichiarazione rilasciata dal Centro Rabbinico d'Europa (RCE) riguardante il conflitto in corso nel Nagorno-Karabakh/Artsakh. In questa dichiarazione i rabbini europei hanno espresso le loro preoccupazioni riguardo all'uso di termini come "genocidio" in riferimento alla situazione che sta affrontando la popolazione armena nativa del Nagorno Karabakh/Artsakh.

"In quanto organizzazione europeo-armena, l'EAFJD riconosce la sensibilità del termine, soprattutto alla luce dell'immensa sofferenza sopportata dal popolo ebraico durante l'Olocausto, e sostiene pienamente l'importanza di rendere omaggio e di preservare la memoria di quei tragici eventi Il termine non è utilizzato come paragone storico, bensì in conformità con la definizione delineata nella Convenzione delle Nazioni Unite sulla prevenzione e la repressione del crimine di genocidio.

"Diversi rapporti e dichiarazioni di organizzazioni internazionali indipendenti e gruppi per i diritti umani hanno messo in guardia sulla politica in corso da parte dell'Azerbaigian nel Nagorno Karabakh/Artsakh, che è nella sua essenza genocida. In un recente rapporto l'ex procuratore capo della Corte penale internazionale Luis Moreno Ocampo sostiene che esiste "una base ragionevole per ritenere che l'Azerbaigian stia attualmente commettendo un" genocidio "contro la popolazione indigena armena del Nagorno Karabakh/Artsakh. Genocide Watch ha anche emesso numerosi allarmi a questo riguardo.

"La definizione giuridica internazionale di genocidio, come riconosciuta dalle Nazioni Unite nella Convenzione sul genocidio del 1948, include atti commessi con l'intento di distruggere, in tutto o in parte, un gruppo nazionale, etnico, razziale o religioso. Gli Stati parti della La Convenzione sul genocidio si è assunta il dovere di prevenire e punire il genocidio. La Corte internazionale di giustizia ha stabilito che gli Stati parti “non dovrebbero aspettare fino all’inizio della perpetrazione del genocidio” e “lo scopo principale dell’obbligo è prevenire o tentare di impedire il verificarsi dell’atto”.

"Da nove mesi l'Azerbaigian tiene sotto blocco i 120.000 nativi armeni del Nagorno Karabakh/Artsakh, tra cui 30.000 bambini, in palese violazione della dichiarazione trilaterale di cessate il fuoco firmata il 9 novembre 2020. Dal 15 giugno 2023, le autorità azerbaigiane hanno ha imposto un assedio totale bloccando l’accesso al cibo e ad altri beni essenziali, nonostante il fatto che gli Stati Uniti, l’Unione Europea, la Corte Internazionale di Giustizia, la Corte di Giustizia Europea abbiano chiesto all’Azerbaigian di revocare immediatamente L’Azerbaijan ha sfruttato la fame e la privazione dell’accesso ai beni di prima necessità con l’obiettivo di costringere gli armeni a lasciare la propria patria.

"L'EAFJD invita i rabbini della RCE a riconoscere la gravità della situazione in Artsakh e a rimanere fedeli ai principi di giustizia e diritti umani come rappresentanti di una nazione che un tempo aveva urgentemente bisogno del sostegno e dell'empatia della comunità internazionale. comunità nella sua ricerca di giustizia", ​​ha affermato l'EAFJD in una nota.

Comentários


bottom of page