top of page

Armenia – Oltre 91mila sfollati a causa dell’aggressione azera

Assadakah Yerevan - Sona Ghazaryan, membro della fazione "Contratto Civile" dell'Assemblea Nazionale dell'Armenia, ha dichiarato alla sessione plenaria dell'Apce che più di 91.000 persone, l'88% delle quali sono donne e bambini, sono state deportate a causa della guerra scatenato dall'Azerbaigian nel 2020.

Secondo quanto riportato da ARMENPRESS, l'Assemblea Nazionale ha pubblicato il testo del discorso del parlamentare, che recita come segue,

“All'inizio del 20° secolo, il movimento per il diritto di voto delle donne si stava diffondendo in tutto il mondo e sono molto orgoglioso di dire che l'Armenia stava già avendo successo.

Nel 1919 si tennero le prime elezioni parlamentari dirette a suffragio universale: ogni persona di età superiore ai 20 anni aveva diritto di voto indipendentemente dal sesso, dall'etnia o dalle convinzioni religiose. Tre donne deputate: Katarine Zalyan-Manukyan, Perchuhi Partizpanyan-Barseghyan e Varvara Sahakyan erano in Parlamento e forse si riconosce la nipote di Perchuhi Barseghyan, Jeanne Barseghyan, che è attualmente sindaco di Strasburgo.


Diana Abgar, altra donna armena, ha intrapreso un percorso diverso verso la vita pubblica. Il 2 luglio 1920 fu nominata ambasciatrice dell'Armenia in Giappone. In servizio fino al 1921, si è classificata come una delle prime ambasciatrici al mondo. Oggi all'attuale Parlamento la rappresentanza femminile è più alta che mai, ma non è ancora sufficiente, il 35%. Apprezzando molto il ruolo delle donne nelle organizzazioni della società civile, siamo attivamente coinvolti con loro nel processo legislativo che porterà a una partecipazione sempre più femminile negli organi legislativi.

Avendo la pace come uno dei principali programmi del partito al governo, posso assicurare che anche le parlamentari donne sono coinvolte nei processi decisionali.

La Repubblica di Armenia ha anche sviluppato il Secondo Piano d'Azione Nazionale sull'attuazione della Risoluzione 1325 del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, riaffermando la sua disponibilità a continuare il suo lavoro su donne, pace e sicurezza.

Il programma affronta i problemi e le sfide affrontate dalle donne sfollate dal Nagorno Karabakh a seguito della guerra aggressiva scatenata dall'Azerbaigian contro l'Artsakh nell'autunno del 2020.

A seguito della guerra aggressiva, più di 91.000 persone sono state sfollate con la forza e hanno ricevuto asilo in Armenia, l'88% delle quali erano donne e bambini.

La guerra aggressiva è iniziata durante l'epidemia di COVID-19, complicando così la difficile situazione per donne e ragazze. Pertanto, il programma presenta i problemi delle donne e delle ragazze in crisi, affrontando la loro componente di sicurezza. Il programma affronta i problemi delle donne sfollate con la forza, le sfide alla sicurezza poste dalla nuova situazione al confine e il loro impatto su donne e ragazze.

Detto questo, devo essere sincero che sono davvero sorpreso di sentire come le nostre colleghe qui all'Apce e altre funzionarie di alto livello nei paesi vicini possano parlare a sostegno della guerra e della violenza, trovando giustificazioni”.

bottom of page