top of page

Cisgiordania – Giornalista aggredito e ferito da soldati israeliani

Assadakah Roma News - Al-Adraa, che riporta regolarmente le violenze dell’esercito e dei coloni, è stato picchiato mentre documentava i soldati che erano entrati nel suo villaggio in Cisgiordania. I soldati israeliani hanno aggredito e ferito il giornalista di Local Call e di +972 Basil al-Adraa nel suo villaggio natale di At-Tuwani nella Cisgiordania occupata domenica pomeriggio. Al-Adraa, che vive nel villaggio, era intento a documentare i soldati giunti per far eseguire un ordine di demolizione di una piccola struttura che un abitante del villaggio aveva costruito vicino al suo uliveto. Due video della scena mostrano soldati che prendono a pugni al-Adraa a terra prima di picchiarlo e trascinarlo via. In uno dei video, si può sentire un soldato che dice alle altre truppe di “prenderlo [e portarlo] al veicolo”. Prima dell’aggressione, ai soldati era stato chiesto se avessero portato con loro un ordine di zona militare limitata, ma non lo avevano esibito.

I palestinesi che erano presenti sulla scena dell’incidente hanno cercato di dire ai soldati che al-Adraa è un giornalista, ma questo non ha impedito loro di picchiarlo.

Al-Adraa non è stato arrestato ed è stato trasportato da At-Tuwani in una clinica nel vicino villaggio di Al-Karmil in Cisgiordania, successivamente è stato condotto in un ospedale di Hebron dove è stato curato per le ferite riportate. Nella serata di domenica, Basil è tornato a casa sua. Il portavoce dell’IDF non ha risposto alle domande di +972 durante la conferenza stampa.

Al-Adraa documenta regolarmente la violenza dei coloni e dei soldati sulle colline a sud di Hebron. Come corrispondente, lo scorso maggio ha denunciato la macabra uccisione di un palestinese per mano dei coloni che ha costretto la polizia ad aprire un’indagine sul sospetto omicidio.

Nell’ottobre 2021, dopo aver documentato un pogrom dei coloni israeliani nel vicino villaggio di Mufagara , Channel 12 News, il telegiornale più popolare di Israele, ha ingiustamente accusato al-Adraa di “aver dato fuoco a una struttura e aver cercato di incolpare gli ebrei”. La scorsa settimana, dopo una lunga campagna, Channel 12 ha finalmente mandato in onda una correzione , chiarendo che al-Adraa non ha, in effetti, cercato di incastrare i coloni.

Parlando con +972, dopo essere rientrato a casa, al-Adraa ha raccontato che l’esercito era arrivato ad at-Tuwani per chiedere a un residente locale di demolire una piccola stanza fatta di latta e legno che aveva costruito per fornire ombra ai suoi figli. I membri della famiglia di al-Adraa, compreso suo padre Nasser, sono stati avvisati che i soldati erano entrati nel villaggio ed erano immediatamente confluiti ​​sul posto.

“I soldati erano mascherati e io volevo restare lontano per scattare delle foto”, ha detto al-Adraa. “Li ho visti dirigersi verso mio padre. Lo hanno inseguito ma non sono riusciti a prenderlo. Mi sono messo da una parte e ho filmato tutto con la telecamera. Un soldato mi ha ordinato di andarmene e mi ha colpito al petto. Gli ho detto che doveva essere lui ad andarsene. Poi l’ufficiale che era con loro ha indicato una linea immaginaria nel terreno e ha ordinato “arrestate chiunque la superi”. Ero lontano dalla linea. Gli ho chiesto più e più volte se avesse un mandato militare ufficiale . A quel punto ha ordinato ai soldati di arrestarmi, senza motivo. Quattro soldati mi sono saltati addosso e mi hanno spinto a terra. Ho urlato che ero un giornalista, ma continuavano con la loro violenza. Uno di loro mi ha tirato per la testa e poi mi hanno trascinato a terra. Mi hanno picchiato, anche con le loro armi, mi ha calpestato. Ho detto loro di chiamare un’ambulanza, ma non lo hanno fatto”.

Sami Hureini, un attivista palestinese che ha assistito all’assalto, ha detto che i soldati sono apparsi infastiditi quando lui e al-Adraa sono arrivati ​​per filmarli. “Hanno cercato di impedirci di documentare e volevano arrestare anche me”, ha detto Hureini. “A un certo punto mi hanno lasciato e si sono concentrati su Basil. Lo hanno picchiato e hanno cercato di arrestarlo, ma alla fine lo hanno rilasciato”. Hureini ha detto che l’esercito ha preso di mira i due perché “sono impegnati a documentare sul campo ogni giorno. Questo è l’unico motivo per cui hanno attaccato Basil.»

“Volevamo filmarli”, ha detto Nasser, il padre di Basil, a +972. “Appena ci siamo avvicinati, a circa 100 metri da loro, ci hanno gridato di tornare indietro. Uno dei soldati ha cercato di fermarmi. Basil era dietro di me. Si è fermato sulla collinetta montagna e ha iniziato a documentare. Quando non sono riusciti a fermarmi, sono andati da Basil e gli hanno gridato che era in arresto. Basil ha chiesto il perché e ha detto loro che è un giornalista. Lo hanno buttato a terra. Lui in ebraico e in inglese gridava che stava scattando fotografie ed era lì come giornalista. Lo hanno trascinato e hanno iniziato a picchiarlo. Stava urlando per il dolore e mi sono reso conto che era stato colpito alla testa e aveva bisogno di un’ambulanza. Ecco perché abbiamo cercato di liberarlo dalla presa dei soldati. Dopodiché lo abbiamo trasportato in macchina in ospedale”. (fonte: Oren Ziv/ Yuval Abraham - +972 Magazine)

Comments


bottom of page