top of page

Gaza - Il massacro continua

Assadakah News - L'esercito israeliano ha confermato di aver effettuato un attacco a Khan Yunis, città nel sud della Striscia di Gaza. "Con munizioni precise, l'aeronautica israeliana ha preso di mira un terrorista dell'ala militare di Hamas che ha partecipato, tra le altre attività terroristiche, al brutale massacro compiuto il 7 ottobre dall'organizzazione terroristica di Hamas nel sud di Israele", ha indicato l'Idf in una nota.

Le forze di difesa israeliane "stanno indagando sulle notizie secondo cui civili sono rimasti feriti vicino alla scuola Alawda, vicino al luogo dell'attacco", ha aggiunto senza fornire ulteriori dettagli. Secondo il ministero della Sanità di Gaza, controllato dal gruppo islamico Hamas, il numero delle vittime "nel massacro da parte dell'occupazione contro gli sfollati presso la scuola Al Awda nella zona di Abasan, a est di Khan Younis, "e' di 25 morti e più di 53 feriti, inclusi casi gravi e critici di cui le e'quipe mediche si stanno ancora occupando in questo momento." In serata il governo di Hamas aveva contato 29 morti e aveva assicurato che la maggioranza delle vittime erano donne e bambini. A Khan Younis si trovano molti degli sfollati a causa dell'invasione di terra di Rafah, la città più meridionale della Striscia, dove le truppe israeliane sono entrate all'inizio di maggio e dove operano da allora.

Fonti palestinesi hanno affermato che sono almeno 29 le persone uccise nell'attacco alla scuola di Khan Younis. Si tratta soprattutto di donne e bambini. L'esercito israeliano ha detto all'Afp di aver effettuato altri tre attacchi da sabato contro scuole di Gaza utilizzate come rifugi.  L'attacco ha colpito l'ingresso della scuola Al-Awda ad Abasan, ha detto una fonte dell'ospedale Nasser nella vicina città meridionale di Khan Yunis, dove sono state portate le vittime, aggiungendo che 29 sono state uccise e decine ferite.

L'agenzia di stampa palestinese Wafa afferma che 50 civili sono morti e 130 sono rimasti feriti in "tre massacri di famiglie nella Striscia di Gaza" commessi dalle forze israeliane nelle ultime 24 ore. Almeno 38.243 palestinesi sono stati uccisi e almeno 88mila feriti dall'offensiva militare israeliana dal 7 ottobre.

Gli esperti indipendenti dell'Onu hanno accusato oggi Israele di condurre una "campagna mirata alla fame" che ha provocato la morte di bambini a Gaza. "Dichiariamo che la campagna di fame intenzionale e mirata di Israele contro il popolo palestinese è una forma di violenza genocida e ha provocato la carestia in tutta Gaza", hanno affermato in un comunicato i dieci esperti, elencando tre bambini recentemente morti "a causa di malnutrizione e mancanza di accesso a cure sanitarie adeguate".

コメント


bottom of page