top of page

Iran - Chi era il presidente Raisi

Lorenzo Utile - Sayyid Ebrahim Raisol Sadati, era nato nel dicembre 1960 a Mashhad, la città santa sciita nel nord-est del Paese, è stato spesso considerato il successore della guida suprema, Ayatollah Ali Khamenei. Ha iniziato a studiare nel seminario di Qom all'età di 15 anni, e successivamente ha frequentato la scuola dell'Ayatollah Sayyed Muhammad Mousavi Nezhad prima, e la scuola dell'Ayatollah Borujerdi a Qom nel 1976 dopo, oltre ad essere uno dei giovani rivoluzionari, seguaci dell’Ayatollah Ruhollah Khomeini. Ha conseguito una laurea in diritto islamico all'Università Motahari di Teheran, e nel 1981 è stato nominato procuratore di Karaj, e in seguito di Hamadan, ricoprendo contemporaneamente gli incarichi. vice-procuratore di Teheran, dal 2019 è stato Presidente della Corte Suprema, nonché procuratore generale, vicepresidente della Corte Suprema, capo dell'Ufficio Nazionale di Ispezione. Il 18 giugno 2021 diventa l’8° presidente della Repubblica Islamica dell’Iran con il 62% dei voti. Nell'immagine, il presidente Raisi con l'omologo azero Aliyev, durante l'naugurazione della diga di Khoda Afarin, poche ore prima dell'incidente in cui ha perso al vita insieme al ministro degli Esteri Amir Abdollahian e altri collaboratori. Il presidente Raisi lascia la moglie Jamileh Alamolhoda, figlia dell'Imam delle preghiere del venerdì di Mashhad, Ahmad Alamolhoda e docente all'Università Shahid Beheshti di Teheran, dalla quale ha avuto due figlie. La guida suprema Ali KHameneni ha proclamato cinque giorni di lutto nazionale.

Comentários


bottom of page