top of page

Iraq – Importanti risvolti alla Conferenza FAO di Baghdad


Assadakah Baghdad - A margine della 36a sessione della Conferenza regionale dell'Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura (FAO) per il Vicino Oriente a Baghdad, il ministro dell'Agricoltura Abbas Hajj Hassan ha avuto colloqui con il capo della delegazione iraniana partecipante alla conferenza.

Durante l'incontro, Hass Hassan ha ringraziato l'Iran per il suo ruolo fondamentale nel sostenere il Libano a tutti i livelli. "Non vediamo l'ora di instaurare legami avanzati nei settori della cooperazione agricola, della ricerca scientifica e dello scambio di competenze", ha affermato Hajj Hassan. Le due parti hanno convenuto di formare comitati tecnici per ulteriori discussioni.

La 36a Conferenza Regionale della FAO per il Vicino Oriente (NERC36) è iniziata oggi con un focus sul miglioramento della nutrizione, sulla costruzione di comunità rurali resilienti, sull'ottimizzazione della gestione delle risorse idriche, sull'affrontare gli impatti della crisi climatica e sulla promozione di iniziative di recupero verde, nonché strategie di sviluppo sensibili al genere. I settori agroalimentari sono tra quelli che lottano per riprendersi dagli shock creati dalla pandemia negli ultimi due anni e sottolineano l'importanza di società sostenibili e resilienti.

Il direttore generale della FAO, QU Dongyu nelle osservazioni di apertura trasmesse virtualmente all'incontro ospitato dal governo iracheno ha dichiarato: "Nella regione del Vicino Oriente e del Nord Africa, la situazione della sicurezza alimentare pre-pandemia era già critica, con l'aumento della fame e le crescenti disuguaglianze che mettono a repentaglio il benessere delle popolazioni rurali, delle donne e dei giovani e peggiorano la scarsità d'acqua". Il direttore generale ha delineato quattro aree prioritarie per l'innovazione e le migliori pratiche a sostegno della ripresa della regione: ridurre il divario socioeconomico urbano e rurale creando migliori opportunità di occupazione rurale; garantire la sicurezza alimentare e diete sane per tutti; ripristino degli equilibri ambientali; costruire la resilienza contro molteplici emergenze.

"Nessuna società può crescere a spese di un'altra. L'azione a livello nazionale è il fulcro dell'Agenda 2030", ha detto Qu, sottolineando l'importanza dei partenariati e della cooperazione per raggiungere quegli obiettivi. "Il dialogo, il pensiero congiunto, la Cooperazione, il partenariato e lo sviluppo di nuove strategie per affrontare le sfide, in particolare il cambiamento climatico, sono tra le priorità per raggiungere obiettivi comuni", ha dichiarato il primo ministro iracheno Mustafa Al-Khadimi. "Nessuna società può crescere a spese di un'altra". Alla sessione inaugurale hanno partecipato anche Muhammad Karim Al-Khafaji, Ministro iracheno dell'Agricoltura, Presidente del NERC36, e Hans Hoogeveen, Presidente Indipendente del Consiglio della FAO. Il Direttore Generale della FAO ha espresso la sua gratitudine al governo e al popolo iracheno per aver ospitato NERC36 in tempi difficili e per le delegazioni che si sono unite all'incontro di Baghdad.

"Con il mondo che sta vivendo la peggiore crisi alimentare degli ultimi 100 anni, la Conferenza Regionale della FAO per il Vicino Oriente offrirà l'opportunità di condividere le competenze e rivedere le capacità dei Paesi della regione al fine di contribuire a raggiungere la sicurezza alimentare", ha sottolineato il Ministro dell'Agricoltura iracheno, Mohammad Karim Al-Khafaji, durante il suo discorso di apertura. "Si prevede che i risultati della conferenza si rifletteranno positivamente sul futuro dell'agricoltura in Iraq e contribuiranno a raggiungere l'integrazione tra i paesi della regione", ha concluso.

bottom of page