top of page

Yerevan – Pashinyan: “I soldati armeni sequestrati in zona di confine”

Assadakah Yerevan - Il primo ministro custode Nikol Pashinyan ha commentato l'incidente del 27 maggio al confine armeno-azero: "Sei militari delle forze armate armene sono stati sequestrati al confine, sul territorio sovrano armeno, mentre eseguivano lavori di bonifica di mine, inoltre voglio sottolineare in particolare che questi lavori sono stati eseguiti parallelamente all'installazione di segnali di avvertimento, per aumentare il livello di protezione del confine armeno”.

Pashinyan ha detto che le circostanze che circondano le sei truppe armene catturate devono essere determinate, ma ha sottolineato che ciò che è accaduto è in realtà un rapimento: "I processi in corso sono del tutto inaccettabili per l'Armenia e incidenti come questo stanno accadendo perché alcuni vogliono che ci adattiamo alla presenza delle forze azere sul nostro territorio, cosa che non può accadere. Trovo molto importante sottolineare su questo incidente che questo problema non dovrebbe essere utilizzato per scopi politici interni, penso che tutti i tentativi di utilizzare questa situazione contro l'esercito e le forze armate debbano essere condannati, perché le nostre truppe, l'esercito stanno adempiendo al loro funzione di protezione dei confini della Repubblica di Armenia", ha detto Pashinyan, aggiungendo che la situazione in corso è una minaccia diretta all'integrità territoriale e alla sovranità dell'Armenia, una grave violazione del diritto internazionale, e che questo è il caso in cui l'Armenia deve usare tutte le leve . “Penso che la nostra società debba essere unita attorno alle nostre forze armate, all'esercito e alle istituzioni statali. La richiesta è chiara, le forze armate azere devono ritirarsi incondizionatamente dal territorio armeno, e l'Armenia sarà sobria in tutte le situazioni e la gestione delle provocazioni dovrà essere fatta con la massima prudenza. Le forze armate devono continuare a svolgere le loro funzioni di salvaguardia della protezione e della forza dei confini armeni e dell'integrità territoriale. Per quanto difficile sia oggi la situazione che stiamo attraversando, le azioni e le affermazioni emotive e sbilanciate sono totalmente inappropriate".


Kommentare


bottom of page