top of page

Armenia-OSCE: primo ministro incontra presidente dell’Artsakh

Assadakah Yerevan – E’ essenziale riprendere i negoziati per la pace in Artsakh, nell'ambito della co-presidenza MG OSCE. In tale scenario si è svolto l’incontro fra il presidente della Repubblica di Artsakh, Arayik Harutyunyan, e il primo ministro armeno Nikol Pashinyan.

Si avvicina il primo anniversario della fine della Guerra dei 44 giorni. Certo, in questo periodo quel lavoro non si è mai fermato, ma in questa occasione penso che sia importante analizzare i lavori che abbiamo fatto in questo periodo e valutare la situazione. E oggi parleremo di questi temi durante il nostro incontro. È importante notare che durante questo periodo il governo di Artsakh, insieme al governo armeno, ha svolto molte attività concrete per ripristinare la vita normale in Artsakh. Certo, non pensiamo che quanto è stato fatto sia sufficiente, e dobbiamo sicuramente continuare i lavori in questa direzione, sostituendo i programmi di assistenza, come abbiamo più volte affermato, con programmi di sviluppo. Naturalmente, è anche importante discutere, e lo facciamo anche a livello lavorativo, delle nostre visioni future sulla risoluzione del conflitto del Nagorno Karabakh. Attribuiamo importanza alla piena ripresa del processo negoziale nell'ambito della Co-presidenza del Gruppo di Minsk dell'OSCE, dove, come i Co-presidenti hanno ripetutamente sottolineato, la soluzione definitiva e globale del conflitto del Nagorno Karabakh e il chiarimento dello status del Nagorno Karabakh, si svolgono sulla base dei famosi principi, compreso il diritto delle nazioni all'autodeterminazione. Tutti questi temi sono sempre nella nostra agenda di lavoro comune e anche oggi terremo una discussione dettagliata su questi argomenti. Ancora una volta voglio darvi il benvenuto e sono felice di vedervi qui”, ha detto Pashinyan nel suo intervento.

Arayik Harutyunyan ha ringraziato il Primo Ministro Pashinyan per l'incontro. “E’ passato già un anno, e cosa siamo riusciti a fare e registrare? Il primo è che non siamo stati deviati dal percorso di soluzione politica di Artsakh, e continuiamo a mantenere il diritto di Artsakh all'autodeterminazione come un percorso chiave di soluzione politica, e gli attori internazionali, incluso il Gruppo OSCE di Minsk, continuano ad agire come un mediatore, e l'agenda in termini di soluzione della questione del Karabakh si basa anche sul diritto delle nazioni all'autodeterminazione. In secondo luogo, ci tengo a precisare che già si vedono i primi risultati dei grandi lavori, e entro la fine dell'anno metteremo in funzione almeno 300 appartamenti solo nella capitale Stepanakert. Si parla degli appartamenti di nuova costruzione. Certo, una parte riguarda la costruzione prebellica, ma oltre a questo, siamo riusciti a iniziare a costruire migliaia di appartamenti e completeremo la costruzione di almeno 2500-3000 appartamenti entro la fine del 2022. Sono sicuro che risolveremo completamente i problemi abitativi, infrastrutturali e sociali in 2-3 anni", ha concluso.

Post recenti

Mostra tutti

Roma - Primo ministro palestinese in visita

Assadakah News - Il primo ministro e ministro degli Esteri dell'Autorità Nazionale Palestinese, Mohammad Mustafa, è in visita a Roma dove incontrerà il ministro degli Esteri Antonio Tajani, che ha dic

Comments


bottom of page