top of page

Beirut – Lega Araba e Vertice dei ministri degli Esteri

Assadakah Beirut - I ministri degli esteri arabi hanno riaffermato il sostegno e la solidarietà al Libano, a immagine della fiducia nella stabilità e nel futuro del Paese dei cedri, come ha annunciato il segretario generale della Lega araba Ahmed Aboul Gheit.

I ministri degli Esteri arabi sono riuniti a Beirut per la consultazione in preparazione del Vertice arabo che si terrà in Algeria a novembre.

L’incontro si è concluso con la partecipazione dei ministri degli Esteri arabi ad eccezione della Siria, la cui adesione è al momento sospesa. Prima dell’incontro, una delegazione di partecipanti ha visitato il palazzo presidenziale di Baabda e ha incontrato il presidente Michel Aoun, che ha sottolineato l’importanza delle relazioni arabo-arabe.


“Il Libano, nonostante le sue difficili circostanze, è determinato ad affrontare le sfide e trovare soluzioni per uscire dalla sua crisi”, ha affermato Aoun, il quale ha ribadito che il Libano non può più sopportare ancora a lungo il peso del gran numero di rifugiati e sfollati sulla sua terra.

Aoun ha affermato che il mondo arabo sta affrontando diverse sfide che richiedono consultazione e cooperazione, aggiungendo che la solidarietà tra i paesi arabi è essenziale alla luce delle crisi attuali. Il presidente ha detto ai ministri che il Libano soffre di una serie di crisi accumulate, aggiungendo che il gran numero di rifugiati e sfollati in Libano rappresenta un peso per il Paese. “La posizione della comunità internazionale non incoraggia a trovare soluzioni rapide”, ha affermato Aoun.

Il presidente ha auspicato che i ministri degli esteri arabi “aiutino ad affrontare queste sfide”, sottolineando che “il Libano, nonostante le sue difficili circostanze, è determinato ad affrontare le sfide e trovare soluzioni per uscire dalla sua crisi”.

Il segretario generale della Lega Araba, Aboul Gheit, ha quindi ribadito il sostegno al Libano, il suo governo e il suo popolo. Ha affermato che gli incontri tra i ministri degli Esteri arabi sono essenziali per la comunicazione, che porterebbe ad accordi su progetti e programmi a beneficio della Lega Araba. Aboul Gheit considerava lo svolgimento dell’incontro a Beirut in questo momento essenziale e significativo per affermare che i paesi arabi sostengono il Libano, la sua leadership politica e il suo popolo. Ha infatti detto che la Lega spera che “questo bellissimo Paese e la sua lunga storia superino i problemi economici e politici che deve affrontare”. Successivamente, la delegazione araba ha incontrato il presidente Nabih Berri, che ha ribadito che il Libano “non dimenticherà i suoi fratelli arabi, né dimenticherà Taif, Doha o il Kuwait”.


Nabih Berri ha affermato che il Libano è in uno “stato di cessazione del pagamento (del debito) e possiede tutti gli elementi di risveglio e resurrezione dalle crisi” con il sincero aiuto del suo popolo e dei paesi arabi.

Il Libano ha una comunità di espatriati diffusa negli stati arabi e in tutto il mondo, ha affermato il presidente, aggiungendo che ha un importante affluente umanitario, culturale e finanziario che può costituire un fattore importante e fondamentale per avanzare insieme alla ricchezza di acqua, petrolio e gas in mare, soprattutto ai confini con la Palestina.

La riunione consultiva è stata presieduta dal ministro degli Esteri provvisorio, Abdullah Bouhabib. Il Libano presiede l’attuale sessione del Consiglio dei ministri degli esteri arabi.

Dopo l’incontro, l’Ambasciatore aggiunto del Segretario generale Hossam Zaki ha detto ai giornalisti di aver discusso i preparativi per il vertice arabo in Algeria e la situazione catastrofica della carestia in Somalia alla luce delle difficili condizioni climatiche e della sicurezza alimentare araba. Ha notato che il Segretariato generale ha preparato il piano, che sarà presentato a settembre, aggiungendo che hanno anche discusso la questione palestinese.

“I conferenzieri hanno espresso sostegno e solidarietà al Libano, ma non sono state avanzate questioni collaterali”, ha aggiunto Zaki.

Al suo arrivo, il ministro degli Esteri palestinese Riyad al-Maliki ha affermato l’importanza del Libano tra i Paesi arabi, rilevando che l’arrivo dei ministri degli Esteri a Beirut è significativo. Ha detto ai giornalisti che la sua visita conferma le relazioni uniche che uniscono il Libano alla Palestina e discutono liberamente delle preoccupazioni e delle questioni palestinesi.

Il vice primo ministro giordano e ministro degli Esteri Ayman Safadi ha trasmesso i saluti di re Abdullah al presidente libanese, esprimendo la volontà del re di rafforzare le relazioni “storiche e fraterne” tra i paesi.

Safadi ha affermato che la Giordania sostiene gli sforzi del Libano per superare le difficili condizioni e ripristinare il suo ruolo cruciale, sottolineando che proteggere la stabilità del Libano è fondamentale per la sicurezza e la stabilità regionale.

bottom of page