top of page

GCC – Concluso il vertice di Jeddah

Assadakah Roma News - La dichiarazione finale del "Vertice sulla sicurezza e lo sviluppo di Jeddah", che include gli Stati membri del Consiglio di cooperazione del Golfo (GCC), la Giordania, l'Egitto, l'Iraq e gli Stati Uniti (USA), è stata rilasciata, ha riferito l'Agenzia di stampa saudita (SPA).

La dichiarazione finale è la seguente: "Su invito del Custode delle Due Sacre Moschee, Re Salman bin Abdulaziz Al Saud dell'Arabia Saudita, dei leader degli Stati membri del Consiglio di cooperazione del Golfo (GCC), del Regno hascemita di Giordania, della Repubblica araba d'Egitto, della Repubblica dell'Iraq e degli Stati Uniti d'America hanno tenuto un vertice congiunto a Jeddah, in Arabia Saudita, il 16 luglio 2022, per sottolineare la storica partnership tra i loro paesi e per approfondire la cooperazione congiunta dei loro paesi in tutti i campi.

I leader hanno accolto favorevolmente il presidente Biden ribadendo l'importanza che gli Stati Uniti attribuiscono ai loro partenariati strategici decennale in Medio Oriente, affermando l'impegno duraturo degli Stati Uniti per la sicurezza e la difesa territoriale dei partner statunitensi e riconoscendo il ruolo centrale della regione nel collegare il Indo-Pacifico in Europa, Africa e Americhe.


I leader hanno affermato la loro visione comune verso una regione pacifica e prospera, sottolineando l'importanza di adottare tutte le misure necessarie per preservare la sicurezza e la stabilità della regione, sviluppare aree comuni di cooperazione e integrazione, affrontare collettivamente le minacce comuni e rispettare i principi di buon vicinato, rispetto reciproco e rispetto della sovranità e dell'integrità territoriale.

Il presidente Biden ha riaffermato l'impegno degli Stati Uniti a raggiungere una pace in Medio Oriente giusta, duratura e globale. I leader hanno sottolineato la necessità di giungere a una giusta risoluzione del conflitto israelo-palestinese sulla base di una soluzione a due stati, rilevando l'importanza dell'Iniziativa araba. Hanno sottolineato la necessità di fermare tutte le misure unilaterali che minano la soluzione dei due stati, per preservare lo status quo storico a Gerusalemme e nei suoi luoghi santi, sottolineando il ruolo cruciale della Custodia hashemita a tale riguardo. I leader hanno anche sottolineato l'importanza di sostenere l'economia palestinese e l'Agenzia delle Nazioni Unite per il soccorso e il lavoro per i rifugiati palestinesi (UNRWA). Il presidente Biden ha elogiato gli importanti ruoli svolti dalla Giordania e dall'Egitto, dai membri del CCG e dal loro sostegno al popolo e alle istituzioni palestinesi.

I leader hanno rinnovato il loro impegno per migliorare la cooperazione e l'integrazione regionale e costruire progetti congiunti tra i loro paesi per raggiungere lo sviluppo sostenibile e affrontare collettivamente la sfida climatica accelerando l'ambizione climatica, sostenendo l'innovazione e i partenariati, incluso il Circular Carbon Economy Framework, e sviluppando le fonti rinnovabili di energia. In tale contesto, i leader hanno elogiato la finalizzazione degli accordi per il collegamento delle reti elettriche tra Iraq e Arabia Saudita, tra il Consiglio di cooperazione del Golfo e l'Iraq, e tra Arabia Saudita e Giordania ed Egitto, nonché il collegamento delle reti elettriche tra Egitto, Giordania, e l'Iraq.

I leader hanno elogiato la Saudi Green Initiative e la Middle East Green Initiative annunciate dal principe ereditario dell'Arabia Saudita. I leader hanno espresso la speranza in un contributo positivo da parte di tutti i paesi per una COP 27 di successo ospitata dalla Repubblica araba d'Egitto, la COP28 che sarà ospitata dagli Emirati Arabi Uniti e l'International Horticultural Expo 2023 che sarà ospitata dallo Stato del Qatar dal titolo "Deserto verde, ambiente migliore 2023-2024".

I leader hanno affermato l'importanza di raggiungere la sicurezza energetica e stabilizzare i mercati energetici, lavorando al contempo per aumentare gli investimenti in tecnologie e progetti che mirano a ridurre le emissioni e rimuovere il carbonio, coerentemente con i loro impegni nazionali. I leader hanno anche preso atto degli sforzi dell'OPEC+ che mirano a stabilizzare i mercati petroliferi in modo da servire gli interessi dei consumatori e dei produttori e sostenere la crescita economica, hanno accolto con favore la decisione dell'OPEC+ di aumentare la produzione per i mesi di luglio e agosto e hanno elogiato l'Arabia Saudita Arabia per il suo ruolo di primo piano nel raggiungimento del consenso tra i membri dell'OPEC+.

I leader hanno rinnovato il loro sostegno al Trattato di non proliferazione delle armi nucleari e all'obiettivo di prevenire la proliferazione delle armi nucleari nella regione. I leader hanno anche rinnovato il loro appello alla Repubblica islamica dell'Iran a cooperare pienamente con l'Agenzia internazionale per l'energia atomica e con i paesi della regione per mantenere la regione del Golfo Arabo libera dalle armi di distruzione di massa e per preservare la sicurezza e la stabilità a livello regionale e globale.

I leader hanno rinnovato la loro condanna nei termini più forti del terrorismo in tutte le sue forme e hanno affermato il loro impegno a rafforzare gli sforzi regionali e internazionali volti a contrastare il terrorismo e l'estremismo violento, impedendo il finanziamento, l'armamento e il reclutamento di gruppi terroristici da parte di tutti gli individui e le entità, e ad affrontare tutte le attività che minacciano la sicurezza e la stabilità regionale.

bottom of page