top of page

Saudi Aramco - 12 miliardi di dollari in poche ore

Assadakah News - La maxi vendita di azioni da 12 miliardi di dollari del colosso energetico saudita Saudi Aramco si è esaurita questa mattina alla Borsa di Riad nel giro di poche ore. Il governo ha piazzato tutte le azioni in offerta, ad una fascia di prezzo compresa tra 26,70 riyal (6,68 euro) e 29 riyal (7,25 euro), poco dopo l'apertura del listino. La manovra garantisce liquidità ulteriore al Regno degli Al Saud per finanziare un massiccio piano di trasformazione economica. Secondo l'emittente televisiva "Al Arabiya", il portafoglio ordini riflette un mix di investitori locali e stranieri. Durante l'offerta pubblica iniziale di Aramco del 2019, la quotazione da 29,4 miliardi di dollari aveva attirato ordini per un valore di 106 miliardi di dollari e circa il 23 per cento delle azioni era stato assegnato ad acquirenti stranieri.

Le azioni di Aramco sono scese oggi del 2,9 per cento a 28,30 riyal (7,08 euro), per poi chiudere a 28,45 riyal (-1,90 per cento) con l'azienda valutata a circa 1.800 miliardi di dollari. Il titolo è sceso di circa il 14 per cento dall'inizio di quest'anno. Secondo Bloomberg Intelligence, uno dei principali punti di forza dell'ultima offerta è la possibilità di raccogliere uno dei maggiori dividendi dell'industria petrolifera al mondo. Gli investitori disposti a guardare oltre la valutazione elevata e lo scarso margine di rivendita potrebbero incassare un rendimento da dividendi del 6,6 per cento, a fronte di un pagamento annuale agli azionisti stimato in circa 124 miliardi di dollari.

Il governo saudita possiede circa l'82% di Aramco, mentre il fondo patrimoniale del Regno (il Pif) detiene un'ulteriore quota del 16 per cento. Il governo continuerà ad essere il principale azionista dopo l'offerta, che era in cantiere da anni. Il principe ereditario Mohammed bin Salman ha dichiarato nel 2021 che Riad cercherà di vendere più azioni Aramco in futuro. Questi piani hanno preso slancio un anno fa, quando il Regno ha iniziato a collaborare con i consulenti per studiare la fattibilità di un'offerta successiva. La vendita di oggi si colloca tra le maggiori vendite di azioni a livello globale dalla quotazione di Aramco.

I proventi contribuiranno a finanziare iniziative per diversificare l'economia mentre il Regno si spinge verso l'intelligenza artificiale, lo sport, il turismo e progetti come Neom. L'offerta si aggiunge agli sforzi dell'Arabia Saudita di raccogliere liquidità per colmare il deficit di bilancio.

Il governo sta lavorando con una serie di banche sulla vendita. M. Klein & Co. opera come consulente finanziario indipendente insieme a Moelis & Co. BNS Capital svolge il ruolo di lead manager ed è anche un coordinatore globale congiunto insieme a Citigroup Inc., Goldman Sachs Group Inc., HSBC Holdings Plc, JPMorgan Chase & Co., Bank of America Corp. e Morgan Stanley. Al Rajhi Capital, BOC International, BNP Paribas SA, China International Capital Corp., EFG Hermes, Riyad Capital, Saudi Fransi Capital e UBS sono i bookrunner dell'accordo.

コメント


bottom of page