top of page

Sudan - La Dichiarazione di Jeddah per la fine del confitto

Roberto Roggero - Dopo difficili discussioni, confronti, valutazioni e considerazioni, i rappresentanti delle parti in conflitto in Sudan riuniti nella città saudita di Jeddah, ovvero il governo nazionale e i paramilitari della Rapid Support Force, sono giunti a un accordo che è stato regolarizzato nella dichiarazione riassuntiva ufficiale, che Assadakah News Agency pubblica integralmente:

Riconoscendo la necessità di risollevare la situazione e la miseria del nostro popolo derivanti dai combattimenti in corso dal 15 aprile 2023, in particolare nella capitale Khartoum, rispondendo ai bisogni umanitari urgenti dei nostri cittadini civili, e rispondendo alle varie iniziative dei Paesi fratelli e amici, guidati dall'iniziativa saudita-americana,

Noi sottoscritti, in rappresentanza delle forze armate sudanesi (SAF) e delle forze di supporto rapido (RSF), con questa dichiarazione di impegno, riaffermiamo i nostri obblighi fondamentali ai sensi del diritto internazionale umanitario per facilitare l'azione umanitaria per soddisfare le esigenze dei civili.

Affermiamo il nostro fermo impegno per la sovranità del Sudan e per il mantenimento della sua unità e integrità territoriale.

Riconosciamo che l'impegno nei confronti della Dichiarazione di Impegno non influirà su alcuno status legale, di sicurezza o politico delle parti che la firmano, né sarà collegato alla partecipazione a qualsiasi processo politico.

Accogliamo con favore gli sforzi compiuti dagli amici del Sudan che possono utilizzare le loro relazioni e i loro buoni uffici per garantire il rispetto del diritto internazionale umanitario e del diritto internazionale dei diritti umani, anche impegnandosi a rispettare questa dichiarazione e applicandola immediatamente.

Nessuno dei punti elencati di seguito sostituisce alcun obbligo o principio ai sensi del diritto umanitario internazionale e/o del diritto internazionale dei diritti umani che si applicano a questo conflitto armato, in particolare il Protocollo addizionale (II) del 1977 alle Convenzioni di Ginevra del 1949, e che tutte le parti devo incontrare.

1. Concordiamo che gli interessi e il benessere del popolo sudanese sono la nostra massima priorità e affermiamo il nostro impegno a garantire che i civili siano protetti in ogni momento. Ciò include consentire un passaggio sicuro ai civili per lasciare le aree di ostilità attive su base volontaria, nella direzione che scelgono.

2. Affermiamo la nostra responsabilità di rispettare il diritto umanitario internazionale e il diritto internazionale sui diritti umani, compresi gli obblighi di:

Distinguere in ogni momento tra civili e combattenti e tra oggetti civili e obiettivi militari.

Astenersi da qualsiasi attacco che potrebbe causare danni civili accidentali che sarebbero eccessivi rispetto al vantaggio militare concreto e diretto previsto.

Prendere tutte le precauzioni possibili per evitare e ridurre al minimo i danni civili, con l'obiettivo di liberare i centri urbani, comprese le case civili. I civili non dovrebbero essere usati come scudi umani, per esempio.

Garantire che i posti di blocco non vengano utilizzati per violare il principio della libertà di movimento per i civili e gli attori umanitari.

Consentire a tutti i civili di lasciare volontariamente e in sicurezza le aree di ostilità e le aree assediate.

Impegnarsi a salvaguardare i bisogni e le necessità indispensabili alla sopravvivenza della popolazione civile, che possono includere derrate alimentari, aree agricole, raccolti e bestiame. Il saccheggio, il saccheggio e la devastazione sono proibiti.

Impegnarsi a liberare e ad astenersi dall'occupare, nonché a rispettare e proteggere tutte le strutture pubbliche e private, come ospedali e infrastrutture, e ad astenersi dall'utilizzarli per scopi militari.

Impegnarsi a rispettare e proteggere i trasporti sanitari come le ambulanze e ad astenersi dall'utilizzarli per scopi militari.

Impegnarsi a rispettare e proteggere il personale medico e le strutture pubbliche.

Sostenere e non ostacolare il diritto dei civili di passare e viaggiare attraverso strade e ponti, all'interno e all'esterno dello Stato di Khartoum.

Adottare tutte le misure possibili per raccogliere ed evacuare feriti e malati, compresi i combattenti, senza discriminazioni, e consentire alle organizzazioni umanitarie di farlo; non ostacolare le evacuazioni mediche, anche durante le ostilità attive.

Astenersi dal reclutamento di bambini e dall'uso di bambini nelle ostilità.

Astenersi dal compiere sparizioni forzate e detenzioni arbitrarie di civili.

Astenersi da qualsiasi forma di tortura o altro trattamento crudele, disumano o degradante, inclusa la violenza sessuale di ogni genere.

Trattare tutte le persone private della libertà in modo umano e fornire alle principali organizzazioni umanitarie un regolare accesso alle persone detenute.

3. Riconosciamo che le attività umanitarie mirano unicamente ad alleviare la sofferenza umana ea proteggere la vita e la dignità delle persone che non stanno o non stanno più combattendo. Concordiamo sulla necessità di consentire la ripresa delle principali operazioni umanitarie e di proteggere il personale e le risorse umanitarie, anche per:

Rispettare i principi umanitari di umanità, imparzialità, neutralità e indipendenza operativa.

Consentire e facilitare il passaggio rapido e senza ostacoli degli aiuti umanitari, comprese le attrezzature mediche e chirurgiche, e garantire al personale di soccorso la libertà di movimento necessaria per le loro funzioni. Ciò comprende:

Facilitare il passaggio sicuro, rapido e senza ostacoli del personale umanitario attraverso tutte le rotte disponibili (e qualsiasi corridoio umanitario stabilito) come richiesto dalle esigenze, all'interno e all'interno del paese, compreso il movimento dei convogli umanitari.

Adottare procedure semplici e rapide per tutte le disposizioni logistiche e amministrative necessarie per le operazioni di soccorso umanitario.

Osservando l'attuazione delle regolari pause umanitarie e dei giorni di tranquillità, se necessario.

Astenersi dall'interferire con le principali operazioni umanitarie e non accompagnare mai fianco a fianco il personale umanitario che svolge attività umanitarie, in conformità con le Direttive e procedure modificate per l'azione umanitaria in Sudan.

Proteggi e rispetta gli operatori umanitari, i beni, le forniture, gli uffici, i magazzini e altre strutture. Gli attori armati non devono interferire nelle azioni delle operazioni umanitarie. Pur rispettando il principio della neutralità degli attori umanitari, gli attori armati devono garantire la sicurezza dei corridoi di trasporto e delle aree di stoccaggio e distribuzione. È vietato attaccare, molestare, intimidire o detenere arbitrariamente il personale, o attaccare, distruggere, o saccheggiare forniture, installazioni, unità o veicoli di soccorso.

4. Ci impegniamo a compiere tutti gli sforzi per garantire che questi impegni - e tutti gli obblighi del diritto internazionale umanitario - siano pienamente diffusi all'interno dei nostri ranghi e nominiamo punti fondamentali per impegnarsi con gli attori umanitari per facilitare le loro attività.

5. Consentiremo agli attori umanitari responsabili, come la Mezzaluna Rossa sudanese e/o il Comitato Internazionale della Croce Rossa, di raccogliere, registrare e seppellire i defunti in coordinamento con le autorità competenti.

6. Adotteremo tutte le misure necessarie per garantire che tutte le persone che agiscono su nostra istruzione, direzione o controllo rispettino il Diritto Internazionale Umanitario, e in particolare gli impegni previsti in questa Dichiarazione di Impegno.

7. A sostegno dei principi e degli impegni contenuti nel presente documento, ci impegniamo a dare priorità alle discussioni per raggiungere un cessate il fuoco a breve termine per facilitare la fornitura di assistenza umanitaria di emergenza e il ripristino dei servizi essenziali, e ci impegniamo a programmare successive discussioni ampliate per raggiungere la cessazione delle ostilità.

Jeddah, 1 maggio 2023 - con la mediazione del Regno di Arabia Saudita e degli Stati Uniti. Firmato: contrammiraglio, Mahjoub Bushra Ahmed Rahma (Forze Armate Sudanesi) - generale di brigata, Omer Hamdan Ahmed Hammad (Forze di Supporto Rapido)”.

留言


bottom of page