top of page

UAE – Pieno sostegno alla causa palestinese

Assadakah Roma News - Saqr Ghobash, presidente del Consiglio Nazionale Federale, ha affermato che la causa palestinese è sempre stata al centro delle priorità di politica estera degli Emirati Arabi Uniti sin dalla sua istituzione, e che gli Emirat, politicamente e diplomaticamente, sono fianco a fianco con Paesi fratelli contro tutte le misure e decisioni israeliane che hanno mirato a cancellare o cambiare l'identità della moschea di Al-Aqsa e lo status quo legale e storico di Gerusalemme, e la sua identità araba e islamica. Ghobash ha aggiunto che gli Emirati Arabi non hanno lasciato nulla di intentato per difendere i diritti del popolo palestinese, in particolare il loro diritto all'autodeterminazione e all'istituzione del loro stato indipendente.

"La causa palestinese era stata in cima alle priorità del padre fondatore, il defunto sceicco Zayed bin Sultan Al Nahyan, e lo sceicco Khalifa bin Zayed Al Nahyan, e continua ad essere nella lista del presidente Sua Altezza lo sceicco Mohamed bin Zayed Al Nahyan preoccupazioni come nel caso di tutte le altre questioni arabe che sono al centro dei suoi interessi. Resterà negli annali della storia che la nostra nazione, la sua leadership e il suo popolo, ha sempre sostenuto il popolo palestinese e la sua giusta causa sotto tutte le circostanze e condizioni", ha detto Ghobash all'inizio del suo discorso prima della 33a conferenza di emergenza dell'Unione interparlamentare araba, che si è tenuta oggi al Cairo.

Ghobash ha ringraziato tutte le delegazioni partecipanti per la loro risposta immediata alla conferenza di emergenza. "Ho l'onore di trasmettere al nostro fraterno popolo palestinese i sentimenti sinceri della leadership e del popolo degli Emirati Arabi Uniti, e la loro piena solidarietà con loro, per ripristinare tutti i loro diritti legittimi e stabilire il loro stato palestinese indipendente ai confini di giugno 4, 1967, con Gerusalemme Est come capitale".

Ha aggiunto: "Sono positivo e pieno di speranza e fiducia che troveremo una posizione forte e unita che rafforzerà le aspirazioni dei popoli arabi riguardo alla prima e più importante questione del mondo arabo, che è la causa palestinese - in particolare verso i recenti attacchi che hanno violato la santità della benedetta Moschea Al-Aqsa, che gli Emirati Arabi Uniti hanno immediatamente condannato una volta avvenuti, chiedendone l'immediata cessazione e il rispetto dei diritti inalienabili dei palestinesi di compiere le loro preghiere e praticare la loro religione rituali.

"Allo stesso tempo, gli Emirati Arabi Uniti hanno sottolineato la necessità di rispettare il ruolo del Regno hascemita di Giordania nella cura dei luoghi santi e delle dotazioni nella Città Santa di Al-Quds, fatti salvi i poteri dell'amministrazione della dotazione della moschea di Aqsa e gli affari della Moschea di Al-Aqsa in conformità con il diritto internazionale e lo status quo storico di Gerusalemme, e gli accordi conclusi al riguardo. Lodiamo inoltre il ruolo svolto da Sua Maestà il Re Mohammed VI del Marocco, in qualità di Presidente dell'Al -Comitato Quds, nel sostenere la grande fermezza mostrata dal popolo di Gerusalemme".

"Sono fiducioso che siamo tutti desiderosi di garantire tutta la trasparenza e la franchezza per fermare e prevenire le pratiche israeliane che portano a gravi escalation e minacciano la sicurezza dell'intera regione. Sono anche fiducioso che siamo tutti consapevoli che soluzioni temporanee non lo faranno raggiungere risultati tangibili su cui si può fare affidamento nel prossimo periodo. Pertanto, dobbiamo aderire ai meccanismi per forgiare una soluzione permanente, giusta e globale alla questione palestinese secondo i tre approcci principali rappresentati nei riferimenti concordati a livello internazionale, l'Iniziativa di pace araba, e il ritorno ai confini del 4 giugno 1967, in modo che il popolo palestinese possa stabilire il proprio stato indipendente con Gerusalemme Est come capitale", ha concluso.

תגובות


bottom of page