top of page

Vaticano - Ambasciatore Kassissieh: “Il Papa valore fondamentale”

Assadakah News Agency - L’ambasciatore palestinese presso la Santa Sede, S.E. Issa J. Kassisieh, ha lodato la definizione di Papa Francesco sull’attuale guerra a Gaza come “una sconfitta per tutti”, e si è unito alla richiesta di cessate-il-fuoco e degli insediamenti israeliani, esortando i leader internazionali a fare di più. L'Ambasciatore Kassissieh è rappresentante della Palestina presso la Santa Sede e il Sovrano Ordine di Malta, e ha affermato che l'incontro del 22 novembre fra il Papa e la delegazione di famiglie palestinesi venute da Gaza o che hanno parenti lì, ha dato speranza e fiducia. “Ascoltando il racconto di ogni individuo sulle loro tristi storie a causa della guerra a Gaza, posso dire che il Papa è rimasto colpito e commosso. Sono certamente d’accordo nell’affermare con Sua Santità che la guerra è una sconfitta per tutti”, ha detto l’ambasciatore Kassissieh.

Nell’udienza pubblica dopo quell’incontro, Papa Francesco si è riferito alla guerra in termini più forti, dicendo: “Non dimentichiamo di pregare per coloro che soffrono a causa delle guerre, e perseveriamo nella preghiera per la pace, per ciò che quello che sta accadendo attualmente non è guerra, ma piuttosto terrorismo”.

Da quando hanno avuto luogo questi incontri, Kassissieh ha detto di aver osservato un più profondo impegno della Santa Sede per cercare di raggiungere un cessate il fuoco. “Sua Santità rappresenta la più alta posizione di moralità, e veramente rappresenta nostro Signore sul campo. Per quanto riguarda le famiglie, il papa ha fatto sentire loro che li ha ascoltati, e ha ascoltato i loro cuori e i loro sentimenti, ha fatto sentire loro che è ben consapevole della loro costante sofferenza a causa della situazione ingiusta in cui si trovano”.

S.E. Kassissieh ha anche condiviso le storie di alcune delle persone che Papa Francesco ha incontrato, e ha rimproverato la comunità internazionale per aver consentito a Israele di chiudere un occhio sull’espansione di insediamenti illegali nei territori palestinesi occupati, definendo Israele un bambino viziato.

“Sua Santità è rattristato nel vedere il deterioramento della situazione in Terra Santa. Voleva esprimere la sua solidarietà al dolore dei palestinesi. Abbiamo facilitato la visita in coordinamento con il Patriarcato Latino e l'Alto Comitato Presidenziale per gli Affari Ecclesiastici, il Ministero degli Affari Esteri e altri, per mostrare la situazione disastrosa a livello umanitario a seguito della guerra. Sua Santità ha voluto incontrare le famiglie su questa base, su una base umanitaria. Ha ascoltato le lamentele delle famiglie, una delle quali, Mohammad Halalo, tutta la sua famiglia è stata sterminata. Inoltre, una signora cristiana di nome Suheir Anistas con sua figlia Zara Tarazi ha appena lasciato Gaza, si sono rifugiate in una chiesa e hanno vissuto sotto i bombardamenti per 40 giorni. Hanno descritto i momenti difficili attraversati a causa dei continui bombardamenti, hanno parlato dei colpi subiti dalla chiesa ortodossa e delle vittime tra le famiglie cristiane. Uno di loro era un dipendente della Caritas di Gaza. Viola Amash è stata uccisa con i suoi figli, suo marito, sua sorella e il marito di sua sorella. L'unica sopravvissuta di questa famiglia fu sua madre. Immagina che la madre viva ora la sua vita senza le sue figlie e nipoti”.

L’ambasciatore Kassisieh ha poi aggiunto: “Khadija Darabeih, la donna incinta che ha ricevuto la benedizione del papa, ha perso tutta la sua famiglia la scorsa settimana in un devastante attacco aereo israeliano sulla sua casa. Dieci suoi congiunti sono morti, inclusi suo padre, sua madre, le sorelle, i fratelli e le nipoti. Fatimah Abu Muaileq, di 11 anni, è stata la più giovane della delegazione ad avere l'udienza. Quindi, ci sono tutte queste storie miserabili a causa di questa guerra aggressiva contro Gaza. Naturalmente, storie del genere avrebbero un grande impatto su qualsiasi essere umano, perché normalmente dovremmo vivere in pace e tranquillità ma non in guerra, per quanto semplice sia. Come risultato di questo incontro e ascoltando le storie di ogni individuo sulle loro storie tristi e devastanti a causa della guerra a Gaza, posso dire che il Papa è stato molto toccato. All’udienza pubblica, ha detto che questa non è guerra, è terrorismo. Sua Santità chiede costantemente un cessate il fuoco e aiuti umanitari, ma ho potuto dire che dopo sentendo le voci e le storie delle famiglie, ne è rimasto personalmente colpito.

Le famiglie che hanno avuto un'udienza privata con Sua Santità hanno espresso anche parole forti su quanto sta accadendo a Gaza, ma non posso citarlo personalmente come ufficiale, perché io non ero presente, ed è stata un'udienza privata con le famiglie.

Il Papa è in costante contatto con le famiglie palestinesi e con i leader del mondo. Ogni mercoledì con l'udienza pubblica, e ogni domenica con la preghiera dell'Angelus, fa riferimento pubblicamente alla situazione, pregando e chiedendo una tregua, un cessate il fuoco. La Santa Sede è in contatto anche con organizzazioni legate alla Chiesa come la Caritas, la Pontificia Missione, il Patriarcato Latino, il Delegato Apostolico, i Francescani e così via, per tendere la mano per aiutare quanto più possibile.

Sua Santità merita che la sua voce sia ascoltata dai leader mondiali, non solo da Biden, ma anche dai leader europei, perché ciò che sta accadendo nei Territori Palestinesi Occupati è un vero duro colpo per coloro che hanno sempre difeso i diritti umani, i valori umani, e il diritto internazionale umanitario. Credo che l’ordine mondiale sia attualmente in una vera crisi a causa delle posizioni del doppio standard. Non si può parlare di illegalità dell’occupazione da un lato, mentre si legittima l’occupazione dall’altro. Se questi leader avessero a cuore il futuro di Israele, senza dubbio dovrebbero riconoscere e difendere Israele all’interno dei suoi confini, ma non difendere Israele con le sue misure oppressive contro altri popoli. Se sono padre e ho un bambino viziato, non continuo a coccolarlo. Piuttosto lo porto sulla strada giusta quindi sono sicuro che quando crescerà sarà nella direzione giusta. I leader mondiali occidentali devono intraprendere questa strada e non l’altra. In realtà, il percorso di viziare il ragazzo e renderlo al di sopra delle regole della casa e dello stato di diritto non lo renderà buono. Questa politica sta danneggiando più Israele e gli israeliani di chiunque altro.

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu avrebbe avuto un’opportunità unica di realizzare una vera pace con il mondo arabo se avesse riconosciuto e se la parte israeliana avesse appoggiato l’Iniziativa di pace araba, che è stata appoggiata dai paesi arabi e musulmani. Sto parlando di 57 Paesi che erano pronti ad avere una vera pace con lo Stato di Israele, a condizione che quest’ultimo si ritirasse o riducesse la tensione verso la fine dell’occupazione basata sulla legittimità internazionale. Ciò non è avvenuto, quindi la colpa è anche della comunità internazionale. Abbiamo visto il deterioramento della situazione nei territori occupati e nessuno ha mostrato una vera volontà politica per fermare l’escalation e cambiare la dinamica in positivo. Gli Accordi di Abraham sono una ricetta per evitare di fare i veri compiti e risolvere la questione palestinese.

Il nostro presidente ha detto chiaramente molte volte: siamo contrari a ferire qualsiasi essere umano, tutti gli esseri umani sono un riflesso dell'immagine di Dio, ma spero che gli israeliani per la prima volta facciano i loro compiti e non si allontanino dai loro doveri e permettano che spoiler per continuare a rovinare e avvelenare l'atmosfera e iniziare ad affrontare seriamente il problema alla radice. Il principio di base qui è: “vivi e lascia vivere”.

È giunto il momento che entrambe le parti si scambino il diritto ai loro certificati di nascita in modo che ci diamo reciprocamente i certificati di nascita legittimi per vivere e convivere insieme e per preparare insieme il terreno per il futuro dei nostri figli e per mettere l’odio da parte, e le discriminazioni, e lavorare per rafforzare le forze moderate e non permettere alle forze estremiste di controllare la scena. Sfortunatamente, questo è ciò che sta succedendo in questo momento.

Lo stesso nostro presidente Mahmoud Abbas ha affermato più volte in diversi forum che lo status quo politico non è sostenibile e che la situazione sul campo si sta deteriorando. Si è lamentato della violazione senza precedenti dei coloni e ha messo in guardia continuamente dai loro atti e pratiche illegali e dalla continuazione illegale e unilaterale dell’espansione degli insediamenti nel cuore dei territori occupati.

Inoltre, vivere e assaporare quotidianamente l'umiliazione, l'oppressione; negare i tuoi stessi diritti fondamentali, negarti come essere umano, guardarti da un punto di supremazia, arroganza, non trattarti come essere umano alla pari, finirebbe per cadere nel punto oscuro. Questa situazione è andata avanti negli ultimi 75 anni, generazione dopo generazione e guerra dopo guerra, ma alla fine, forse, questo brutto capitolo sarebbe, con tutte le sue miserie, un momento di risveglio o un allarme sia per gli israeliani che per la comunità internazionale, per prendere coscienza che un’occupazione non fa bene a nessuno e che prevarrà il corso della logica e non quella del potere”. (fonte www.cruxnow.com)

Comments


bottom of page