top of page

Algeria – E’ il momento di rinegoziare i prezzi del gas

Aggiornamento: 14 ago 2022

Franco Abdelkader - La crisi energetica è destinata a peggiorare in Europa. Il prezzo del gas naturale è balzato del 16% in poche ore dopo l'annuncio di uno sciopero nei giacimenti di gas norvegesi, che potrebbe avere un forte impatto sulle forniture di gas ad altri paesi europei, che fanno affidamento su questo paese per compensare, anche solo leggermente, le importazioni di gas russo. Una scommessa difficile da vincere in un contesto energetico molto delicato, aggravato dal perdurare della guerra in Ucraina e dall'aumento delle tensioni inflazionistiche che interessano tutti i prodotti energetici. Il prezzo del gas europeo è al livello più alto degli ultimi quattro mesi, il che desta preoccupazione tra i governi europei sempre più preoccupati per la limitata offerta di gas, il calo delle loro riserve e l'impennata dei prezzi.

Le ragioni sono la diminuzione giornaliera del volume delle importazioni di gas russe e la paralisi dell'industria degli idrocarburi in Norvegia. In questo senso, i paesi produttori di gas stanno valutando la possibilità di rivedere i prezzi di vendita del loro gas. L'Algeria ha annunciato l'altro ieri la revisione delle sue tariffe. Questo è il momento migliore per rivedere i prezzi del gas.


L'Algeria, che esporta gas naturale e gas naturale liquefatto (GNL) in Spagna, Italia e Portogallo tramite la sua rete di gasdotti e navi metaniere, ha confermato la sua capacità di produrre più gas grazie alle recenti nuove scoperte, ma dovrebbe stabilire le proprie condizioni per esportare di più gas. Nel suo ultimo rapporto, l'Agenzia internazionale per l'energia (AIE) ha menzionato un leggero calo dei consumi di gas nel 2022, ma mette in guardia contro un graduale aumento nel prossimo triennio. È prevedibile anche un forte aumento dei prezzi del gas.

"Il consumo globale di gas naturale dovrebbe contrarsi leggermente nel 2022 e crescere lentamente nei tre anni successivi poiché il conflitto in Ucraina spinge al rialzo i prezzi e alimenta i timori di continue interruzioni dell'approvvigionamento", secondo un rapporto trimestrale del NIHB. La cessazione dei finanziamenti per i progetti di esplorazione di materia prima fossile e la mancanza di finanziamenti e investimenti nel settore delle rinnovabili avrà conseguenze negative sull'economia mondiale e anche sui consumi.


Le famiglie, ad esempio, non avranno la capacità finanziaria per pagare i propri consumi energetici (luce e gas), a differenza dei settori produttivi che non possono fare a meno dei combustibili fossili per svolgere la propria attività. "Come risultato di questa nuova situazione geopolitica, la domanda mondiale di gas dovrebbe aumentare di un totale di 140 miliardi di metri cubi (bcm) tra il 2021 e il 2025, meno della metà del totale precedentemente previsto e inferiore all'aumento di 170 miliardi di metri cubi osservato per l'unico anno 2021, segnato da una ripartenza dell'economia mondiale paralizzata nel 2020 dalla pandemia di Covid". L'Aie e diverse altre organizzazioni internazionali temono un ritorno vincolante all'uso del carbone, a dispetto delle rinnovabili. La domanda di GNL continuerebbe a crescere. Un gas qualificato come amico dell'ambiente. L'Algeria intende rafforzare la propria produzione di GNL, non solo per ridurre la propria impronta di carbonio, ma soprattutto per sfruttare questa situazione. L'Europa si rivolge anche all'Algeria, che ha appena raggiunto un accordo con la Nigeria, il più grande produttore di gas in Africa e nel mondo, per rifornire il mercato europeo.

Comments


bottom of page