top of page

Armenia – Biden riconosce il genocidio. Sarkissian: “Un atto coraggioso”

Aggiornamento: 27 apr 2021



(Assadakah Yerevan) – Il presidente armeno Armen Sarkissian ha riconosciuto il riconoscimento del genocidio armeno da parte del presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, come un atto coraggioso, e ha ufficialmente espresso i ringraziamento della Repubblica di Armenia: “Grazie, presidente Biden. È importante per la nazione armena e per tutti coloro che cercano giustizia in tutto il mondo, apre nuove prospettive per le relazioni USA-Armenia, e rende il mondo migliore. Il processo di riconoscimento e condanna internazionale del genocidio armeno contribuirà alla prevenzione del genocidio come crimine contro l’umanità e all’eliminazione dell’impunità”.

Nel discorso del 24 aprile, il presidente Joe Biden ha dichiraato: ”Ogni anno in questo giorno, ricordiamo le vite di tutti coloro che sono morti nel genocidio armeno dell’era ottomana e ci impegniamo a impedire che una tale atrocità si verifichi mai più. A partire dal 24 aprile 1915, con l’arresto di intellettuali armeni e leader di comunità a Costantinopoli da parte delle autorità ottomane, un milione e mezzo di armeni furono deportati, massacrati o marciati verso la morte in una campagna di sterminio. Il popolo americano onora tutti quegli armeni che sono morti nel genocidio iniziato 106 anni fa oggi”.


L’Assemblea armena degli Stati Uniti sottolinea che, riconoscendo il genocidio armeno, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha avuto il coraggio di dire ciò che i suoi predecessori negli ultimi 100 anni hanno sempre saputo ma non hanno messo in pratica. “Il riconoscimento del genocidio armeno da parte del presidente Biden segna una pietra miliare nell’arco della storia in difesa dei diritti umani”, ha dichiarato il direttore esecutivo dell’Assemblea Bryan Ardouny. “Resistendo fermamente contro un secolo di diniego, il presidente Biden ha tracciato una nuova rotta. L’affermazione del genocidio armeno accresce la credibilità dell’America e riafferma gli Stati Uniti nella causa mondiale della prevenzione del genocidio”. L’Assemblea ha sottolineato che il presidente Biden è rimasto fedele al suo record documentato di 30 anni di riconoscimento del genocidio armeno, dal momento in cui ha iniziato a servire come senatore del Delaware, attraverso la sua campagna presidenziale del 2020, quando ha promesso: “Joe Biden riconoscerà il genocidio armeno e farà i diritti umani universali sono una priorità assoluta per la sua amministrazione in modo che una simile tragedia non possa mai ripetersi”. In qualità di senatore, Biden è stato tra i sostenitori più informati e diligenti nell’usare il termine genocidio armeno. “L’Assemblea, tutti gli armeni ei nostri amici in tutto il mondo ringraziano profondamente il presidente Biden per questa riaffermazione del genocidio armeno in onore delle vittime, dei sopravvissuti e del principio dei diritti umani universali in tutto il mondo”, hanno affermato i copresidenti dell’Assemblea Van Krikorian e Anthony Barsamian.




Comments

Couldn’t Load Comments
It looks like there was a technical problem. Try reconnecting or refreshing the page.
bottom of page