top of page

Armenia - USAID: “Sviluppare il processo di pace”

Assadakah Yerevan - Il segretario del Consiglio di Sicurezza della Repubblica armena, Armen Grigoryan, ha ricevuto oggi l'amministratore dell'USAID, Samantha Power. Grigoryan ha dato il benvenuto alla delegazione guidata da Samantha Power e ha sottolineato il prezioso progresso dei programmi attuati dall'agenzia in Armenia.

Gli interlocutori hanno discusso della situazione umanitaria che si è creata a seguito della politica di pulizia etnica portata avanti dall'Azerbaijan, e il Segretario del Consiglio di Sicurezza ha presentato le azioni del governo armeno per fornire assistenza agli sfollati forzati del Nagorno-Karabakh. Le parti hanno parlato del progetto “Crocevia della pace” presentato dal governo armeno e hanno discusso le possibilità della sua attuazione.

L'USAID considera la questione della democrazia da una prospettiva globale, notando notevoli battute d'arresto nei processi democratici in tutto il mondo, l'amministratore dell'USAID Samantha Power, parlando in una conferenza stampa, ha fatto riferimento ai processi democratici che si svolgono in Armenia.

"I risultati elettorali sono sempre più contestati, anche negli Stati Uniti, e le società politiche sono ovunque sotto pressione. In alcuni Paesi, le persone hanno paura di criticare il governo a causa del rischio di arresto. Non sono venuta qui per valutare le componenti del processo democratico armeno dal punto di vista di un osservatore esterno, ma in un contesto più globale. Negli ultimi cinque anni in Armenia si sono verificati sviluppi significativi che hanno portato una maggiore liberalizzazione per i cittadini, in particolare nella lotta alla corruzione. Qui c'è più trasparenza. Non sosteniamo nessuna persona o governo, ma consideriamo cosa possono fare gli Stati Uniti per rafforzare le strutture e le istituzioni, le risorse e gli equilibri, per proteggere il settore, dove ci sono anche critiche su alcuni fenomeni del processo democratico", ha affermato l'amministratore dell'USAID. Riferendosi ancora una volta alla prospettiva di instaurare la pace nel Caucaso meridionale, Power ha sottolineato che tutti i problemi devono essere risolti per raggiungere una pace duratura nella regione. Ha notato che durante il suo soggiorno in Armenia si è concentrata sulle opportunità e sui vantaggi importanti per il popolo armeno e azerbaigiano.

 “Secondo recenti sondaggi condotti in Azerbaijan, c’è un ampio sostegno al processo di pace. Chiediamo alle autorità dell’Azerbaijan di rispettare i diritti umani, di trattare umanamente i prigionieri del Nagorno-Karabakh e di condurre processi equi. La risoluzione di questi problemi garantirà anche progressi nei negoziati”, ha affermato Samantha Power, amministratore dell’Agenzia statunitense per lo sviluppo internazionale (USAID).

Kommentare


bottom of page