top of page

Artsakh – L’attenzione sull’Ucraina potrebbe favorire provocazioni dall’Azerbaijan

Assadakah Yerevan – Il conflitto del Nagorno-Karabakh necessita ancora di una soluzione finale attraverso negoziati nell'ambito del mandato della Co-presidenza del Gruppo di Minsk dell'OSCE; un accordo, che dovrebbe fornire garanzie di sicurezza e protezione di tutti i diritti degli armeni dell'Artsakh e di conseguenza lo status finale che ne deriva del Nagorno-Karabakh, ha affermato in un'intervista al quotidiano greco il ministro degli Affari esteri della Repubblica di Armenia, Ararat Mirzoyan “ Kathimerini”, nell'ambito della sua visita di lavoro del 27 giugno in Grecia.


Il ministro armeno ha dichiarato che nonostante le affermazioni delle autorità azere secondo cui dopo la guerra di 44 giorni del 2020 il Nagorno-Karabakh non esiste più come entità, e che il conflitto è finito, la realtà e la posizione della comunità internazionale dimostrano il contrario: il Karabakh esiste con la sua popolazione armena, e la cui sicurezza è ora assicurata dalle forze di pace russe, in conformità con la dichiarazione trilaterale del 9 novembre 2020, che ha fermato la guerra devastante.

Il conflitto non smette di esistere solo perché una delle parti dichiara che non esiste. Questa è auto-illusione. Inoltre, le dichiarazioni ufficiali dei nostri numerosi partner e organizzazioni internazionali, compresi i paesi di mediazione, mostrano anche chiaramente che il conflitto di NK necessita ancora di una soluzione finale attraverso negoziati sotto il mandato della Co-presidenza del Gruppo di Minsk dell'OSCE; un accordo, che dovrebbe fornire garanzie di sicurezza e protezione di tutti i diritti degli armeni dell'Artsakh e di conseguenza lo status finale che ne deriva del Nagorno-Karabakh.

La situazione nel Caucaso meridionale resta fragile. Mentre l'Armenia attraverso le sue azioni aspira a rilanciare negoziati di pace globali, compresa la risoluzione del conflitto del Nagorno-Karabakh, e quindi portare stabilità e pace nella regione, l'Azerbaigian continua la sua politica di azioni provocatorie e minacce di uso della forza. Dopo l'evolversi della situazione in Ucraina, le forze armate azere hanno invaso il villaggio di Parukh nel Nagorno-Karabakh, preceduto da continui bombardamenti di villaggi e infrastrutture civili, esortando la pacifica popolazione armena dei villaggi vicini a lasciare le proprie case sotto la minaccia dell'uso di forza, interruzione del funzionamento del gasdotto per diverse settimane in mezzo al freddo senza precedenti.

In linea con le dichiarazioni trilaterali adottate dalla mediazione russa l'11 gennaio 2021 e il 26 novembre 2021 e gli accordi raggiunti a Bruxelles, l'Armenia ha avviato un dialogo costruttivo con l'Azerbaijan sulla normalizzazione generale delle relazioni, delimitazione e la sicurezza delle frontiere tra i due paesi e lo sblocco dei collegamenti economici regionali e delle comunicazioni di trasporto. Ribadiamo il nostro impegno a lavorare in modo costruttivo in tutte le direzioni e voglio sottolineare che il processo sarebbe stato molto più agevole e molto più efficace se l'Azerbaigian si fosse astenuto dal suo pericoloso massimalismo e dalla sua retorica armenofobica, tenendo numerosi prigionieri di guerra armeni e altre persone detenute in cattività, distruggendo il patrimonio culturale e religioso armeno, ostacolando l'accesso delle organizzazioni umanitarie internazionali alla zona di conflitto del Nagorno-Karabakh. Nel complesso, riteniamo che, nonostante tutto il sangue e l'odio a cui è stata sottoposta la regione, ci sia una reale opportunità di pace nel Caucaso meridionale. L'Armenia ha ripetutamente riaffermato la sua disponibilità a stabilire una stabilità a lungo termine e ad aprire un'era di sviluppo pacifico nella regione. Allo stesso tempo, è ovvio che questi sforzi non possono essere unilaterali e ci aspettiamo un approccio altrettanto costruttivo e passi concreti sinceri da parte azerbaigiana verso questo fine.

L'Armenia è pronta per l'instaurazione di relazioni diplomatiche con la Turchia e l'apertura del confine tra i nostri paesi che la Turchia ha chiuso unilateralmente nel 1993.

Post recenti

Mostra tutti

Roma - Primo ministro palestinese in visita

Assadakah News - Il primo ministro e ministro degli Esteri dell'Autorità Nazionale Palestinese, Mohammad Mustafa, è in visita a Roma dove incontrerà il ministro degli Esteri Antonio Tajani, che ha dic

Comments


bottom of page