top of page

Beirut – Incontro al vertice per aiuti energetici

Assadakah Beirut - Il Presidente della Repubblica libanese, Michel Aoun, ha incontrato il ministro dell'Energia siriano, Ghassan Al-Zamel, poco dopo il suo arrivo in Libano, alla vigilia della firma del contratto per la fornitura di energia elettrica dalla Giordania attraverso la Siria.

Il ministro Al-Zamel era accompagnato dal ministro libanese dell'Energia, Walid Fayyad, e dall'ambasciatore siriano in Libano, Ali Abdel Karim Ali.

Durante l'incontro, il ministro Al-Zamel ha trasmesso al presidente Aoun i saluti del presidente siriano e le direttive per fornire tutta l'assistenza e le strutture per l'attuazione di questo progetto. Da parte sua, il presidente Aoun ha ringraziato il ministro Zamel per i risultati siriani per facilitare la firma del contratto, elogiando la cooperazione araba esistente per sostenere il Libano dai suoi fratelli, specialmente in questa circostanza che il Libano deve affrontare.

Dopo l'incontro, il ministro Fayyad ha rilasciato la seguente dichiarazione: “Abbiamo tenuto un incontro questo pomeriggio con Sua Eccellenza il Presidente, nel quadro della visita del Ministro dell'Energia siriano, Ghassan Al-Zamel, alla presenza dell'Ambasciatore siriano in Libano Ali Abdel Karim Ali. Si prevede che domani firmeremo un contratto di fornitura energetica dalla Giordania. A tal fine, riceveremo a breve il ministro dell'Energia giordano, Saleh al-Kharabashi. Firmeremo anche un accordo di transito energetico dalla Giordania al Libano attraverso la Siria, in collaborazione con i fratelli arabi. Saluto il Ministro Zamil in Libano. Abbiamo informato Sua Eccellenza il Presidente di questa cooperazione strategica in atto, che è un passo molto importante per ricostruire i partenariati storici tra i due Paesi e con i fratelli arabi in generale, provenienti dall'Egitto, dalla Giordania e dall'Iraq, che stanno tutti al fianco del Libano.

Ci auguriamo che questa cooperazione sia costruttiva a beneficio di tutti i fratelli arabi e, allo stesso tempo, l'importanza vitale di questo fascicolo risiede nella capacità, durante il breve periodo, entro due mesi o meno, di garantire energia elettrica aggiuntiva per la rete Elettricità del Libano a un costo inferiore e meno inquinante rispetto all'elettricità fornita dai generatori privati, quindi otterremo 2 ore aggiuntive di alimentazione o 200 megawatt”.

Da parte sua, il ministro Al-Zamil ha dichiarato: “Abbiamo avuto un breve incontro con il Presidente della Repubblica e gli abbiamo trasmesso i saluti del Presidente Bashar Al-Assad. Le direttive del Presidente richiedono di fornire tutta l'assistenza e tutte le strutture per attuare questo progetto. Noi in Siria non abbiamo bisogno di luci da nessuno o Abbiamo fatto del nostro meglio sin dal primo incontro, dove abbiamo detto che a fine anno la linea di collegamento sarà pronta.Il 29 del mese scorso abbiamo informato la parte giordana e libanese della disponibilità della linea. E le direttive del governo siriano richiedono di fornire tutte le strutture per portare a termine questo accordo. E ora siamo pronti per firmare, e siamo arrivati ​​ad assistere alla firma da parte dei partiti libanese e giordano”.

In risposta a una domanda sulle implicazioni di questa visita a Beirut dopo un boicottaggio durato quasi 11 anni, il ministro Al-Zamel ha risposto: “È una visita ai nostri fratelli in Libano, e prima ci consideravamo un popolo in due paesi fratelli. È una visita che non posso dire sia l'inizio della cooperazione arabo-araba, perché questa cooperazione è sostenuta dal presidente Bashar al-Assad e dal governo per facilitare e riattivare la cooperazione araba in generale”.

Il ministro Fayyad ha spiegato che "La questione del gas è stata affrontata dalla Banca Mondiale più velocemente di quanto non sia stata affrontata per quanto riguarda l'elettricità, e la Banca Mondiale ha stanziato 300 milioni di dollari per il programma del gas, mentre ciò che la Banca Mondiale sta cercando oggi aggiungerà finanziamenti per l'elettricità che scorre veloce dalla Giordania al Libano attraverso la Siria”. Se ci sono segnali positivi da parte della Banca mondiale in questa direzione, il ministro Fayyad ha risposto: “Sì, e in tal senso ci incontreremo con funzionari della Banca Mondiale, compreso il direttore generale per la regione mediorientale”.

Comments


bottom of page