top of page

Libia – Ambasciatore italiano incontra ministro degli Esteri


Nouri Mohammed - Il ministro degli Affari esteri e della Cooperazione Internazionale nel Governo di Unità Nazionale, Najla Al-Manqoush, ha ricevuto ieri, lunedì, presso la sede del ministero nella capitale, Tripoli, l'ambasciatore italiano in Libia, Giuseppe Puccini.

L'incontro ha discusso, secondo l'ufficio stampa del Ministero degli Affari Esteri, gli ultimi sviluppi in Libia, le relazioni bilaterali tra i due Paesi, alcuni dossier di cooperazione bilaterale congiunti, tra cui il dossier sull'immigrazione clandestina, e un'iniziativa promossa dal Ministero degli Affari Esteri che si affida al coordinamento internazionale libico per risolvere il problema dei migranti. Da parte sua, l'ambasciatore italiano ha affermato durante l'incontro il sostegno del suo Paese agli sforzi del ministro e del governo di unità per raggiungere la sicurezza e la stabilità, rilevando che la stabilità della Libia è fondamentale e importante per la stabilità della regione mediterranea.

Sono stati inoltre riaperti giacimenti bloccati da tre settimane. Quattro importanti impianti petroliferi libici hanno ripreso la loro attività durante la notte tra lunedì e martedì dopo essere stati chiusi con la forza per tre settimane da uomini affiliati alle Guardie degli impianti. Dopo un incontro ieri a Tripoli con i rappresentanti delle Pfg del sud-ovest del Paese il capo del governo di transizione libico, Abdel Hamid Dbeibah, "ha ordinato l'immediata riapertura dei campi di al-Sharara, al-Feel, al-Wafa e al-Hamada "e ha incaricato una commissione di esaminare "le difficoltà che incontrano nel compimento della loro missione", aveva annunciato il governo in un comunicato. Il 20 dicembre uomini affiliati alle Pfg avevano chiuso con la forza quattro grandi giacimenti petroliferi, provocando perdite significative per la Libia che dipende quasi esclusivamente dai proventi del petrolio e, in misura minore, dal gas. La chiusura di questi giacimenti provoca perdite per "oltre 300.000 barili al giorno", ovvero un terzo della produzione nazionale giornaliera, aveva deplorato la National Oil Company (Noc), costretta a dichiarare lo stato di "forza maggiore". "I giacimenti petroliferi situati nel sud-ovest sono di nuovo operativi, così come le strutture che trasportano gas e petrolio greggio ai terminal" nel nord-ovest della Libia, ha detto all'Afp un funzionario delle Pfg chiedendo l'anonimato.


bottom of page