top of page

Roma - Luci della ribalta per International Couture

Assadakah News Agency - Con una presenza di ospiti numerosi e distinti, che comprendeva numerosi ambasciatori arabi e stranieri, ed eventi culturali e artistici, lo spettacolo Mediterranean Sunset, il Tramondo Mediterraneo di International Couture. Tutti gli occhi erano puntati sulla capitale,dove si è riunito un gruppo di designer provenienti da India, Giordania, Libano, Marocco, Kuwait e Italia.

Maurice Salameh, presidente dell'Istituto Culturale Italo-Libanese, afferma che l'obiettivo è esaltare moda, arte e cultura come mezzo di integrazione fra i Paesi del Mediterraneo, e MedOr Foundation ha infatti sponsorizzato e sostenuto la 10a edizione di International Couture Fashion Show, dedicata appunto alle luci del tramonto sul Mediterraneo.

Un evento voluto e sostenuto dall'Istituto di Cultura Italo Libanese, sotto l'egida dell'ambasciatrice libanese in Italia, S.E. Mira Daher, e del Comune di Roma, e gestito da Maria Christina Rigano, di origine libanese e consulente dell’Istituto di Cultura Italo-Libanese.

Una suggestiva cornice

La prestigiosa sfilata si è tenuta alla Galleria Nazionale d'Arte del XXI Secolo, Dipartimento Grandi Eventi. Fra i partecipanti dal Libano, Misaki Company Couture, fondata nel 2016 a Beirut. La casa di moda disegna, produce e distribuisce moda di alta gamma nel mondo, e il marchio è presente con oltre cento punti vendita distribuiti in tutto il mondo (USA, Golfo, Europa, Russia ed Emirati Arabi Uniti) con piani di espansione negli anni a venire.

La perfezione è anche ciò che i designer Misaki cercano di implementare durante tutte le fasi, a partire dall'idea, quindi la fase di creazione e innovazione, quindi l'implementazione fino al completamento, in modo che il risultato sia del più alto livello di qualità.

A proposito del successo della sfilata, dove gli stilisti hanno presentato le sfilate più belle della moda internazionale, in mezzo a un gran numero di eventi politici, sociali e culturali, e una presenza mediatica di spicco, la supervisor Maria Cristina Rigano ha espresso grande orgoglio e soddisfazione per la partecipazione di alto livello, soprattutto per i Paesi arabi, e ha affermato che questo successo è la prova della capacità degli stilisti arabi di dimostrare competenza creativa e creativa per entrare nella moda e trasformarsi da semplici importatori di prodotti occidentali fashion, a esportatori di alta moda, co linee ispirate a un autentico patrimonio culturale, che caratterizza il gusto arabo.

Tutto ha funzionato a dovere, la sfilata "Tramonto nel Mediterraneo" ha disegnato un quadro estetico dell'eleganza araba contemporanea in un contesto autenticamente romano, dove ha presentato collezioni innovative con diverse firme arabe e gusto privacy con tocchi di design. Un gruppo di Paesi arabi è riuscito a penetrare elegantemente nel quadrante dorato del mondo della moda internazionale rappresentato a Parigi, Londra, New York, e una delle sue massime espressioni è stato la sfilata Rome Mediterannean Sunset.

Questi Paesi hanno avuto, in tutti i sensi, la capacità di riservarsi un posto di prima fila, e questa occasione rimarrà loro esclusiva.

Ciascuno dei partecipanti, Libano, Giordania, Kuwait e Marocco, è diventato il portatore di una torcia, adottando seri tentativi di riposizionare la moda araba sulla scena mondiale con grande professionalità e partecipazione. Lo hanno dimostrato A'biddikkia (Panarea); Kartikeya (India); Laith Maalouf (Giordania); Missaki Couture (Libano); Casa di Moda Marocco, di Hayat; Villaamoon (Kuwait); e calzature Fleur d'Orange (Italia).

Commentaires


bottom of page