top of page

Libano – Inaugurato il Museo Fenicio di Jounieh


Assadakah Beirut - Il "Museo Fenicio" è stato inaugurato nell'area del vecchio mercato di Jounieh nel corso di una cerimonia tenutasi presso i locali del Comune, che ha coinciso con la celebrazione del secondo giorno del Libano come 35° Stato membro dell'Accordo Esteso sui Percorsi Culturali del Consiglio d'Europa. L'inaugurazione si è svolta con il patrocinio del presidente Michel Aoun, rappresentato dal ministro del Turismo Walid Nassar, alla presenza del ministro della Cultura Mohamed Al-Mortada, e del ministro dell'Agricoltura Abbas El-Hajj Hassan, rappresentato dal direttore generale del ministero dell'Agricoltura Louis Lahoud, insieme a numerose personalità pubbliche.

Nella importante occasione, il ministro Nassar ha affermato: "Celebriamo l'adesione del Libano all'Accordo sui Sentieri Culturali del Consiglio d'Europa. Molti si chiedono, soprattutto alla luce della situazione economica, l'esito o gli elementi di base che possono aiutare il cittadino come risultato di questa affiliazione. Pertanto, vorrei dire, in primo luogo: che l'organo esecutivo del Consiglio d'Europa è presente in Libano, e noi siamo il 35° membro e l'unico paese non europeo in questo Consiglio Questo in pratica significa che il Libano è diventato oggi sulla mappa del turismo del Mediterraneo.In precedenza, tutti i tour operator in Europa che stavano lavorando ai piani per percorrere i quattro percorsi: Fenicio, Omayyade, Vino e Olivo, arrivavano a Cipro, in Grecia e la Turchia senza proseguire per il Libano. Oggi, l'affiliazione del Libano con questo Consiglio ha dato più spazio a questi organizzatori internazionali per stipulare contratti con tour operator libanesi in modo che il nostro Paese diventi parte di questi viaggi.

Questo progetto è in collaborazione e collaborazione tra i ministeri del Turismo e della Cultura, e l'affiliazione è arrivata in base a un decreto su cui abbiamo lavorato insieme. Stiamo portando avanti progetti vitali che influenzeranno direttamente la ruota economica", ha affermato. Il lavoro del ministero del Turismo non si limita alla capitale e alle principali città, ma dobbiamo andare in villaggi remoti e rurali, soprattutto perché dopo la pandemia di Corona, abbiamo visto come il turismo domestico è diventato più attivo", ha affermato Nassar su, in riferimento ai piani per lanciare un turismo sostenibile per la città e il distretto di Batroun, simile a Byblos. Nonostante le modeste capacità del ministero del Turismo, eppure con le enormi risorse umane possiamo realizzare progetti sostenibili”, ha aggiunto, sottolineando che “il ministero del Turismo non è solo la ristorazione, l'hotel e l'agenzia di viaggi, sapendo che questi sono molto parti importanti del settore turistico, ma ci sforziamo sempre di pensare a una politica sostenibile e strategica per tutte le regioni, aiutando così i cittadini creando loro opportunità di lavoro”.

bottom of page