top of page

“Promessa Veritiera” - Quali le basi israeliane colpite

Assadakah News Agency - Secondo le valutazioni di Islamic World News e sulla base delle ultime informazioni ottenute dalle operazioni missilistiche e con droni dei Guardiani della Rivoluzione Islamica sotto il nome di Operazione Promessa Veritiera contro il regime israeliano, i seguenti obiettivi sono stati definitivamente presi di mira: la base aerea di Nevatim nel sud della Palestina occupata; la base aerea Ramon nel sud della Palestina occupata; una base di intelligence e spionaggio del regime israeliano a Jabal al-Sheikh (Monte Hermon) nelle alture del Golan.

Il resto delle esplosioni in altre aree dei territori occupati sono legate allo scontro dei sistemi di difesa aerea israeliani con i proiettili nel cielo, la caduta dei rottami dei missili intercettori o dei rottami dei missili iraniani.

Ci sono diversi punti molto importanti sugli attacchi di ritorsione di ieri sera a cui bisogna prestare attenzione: secondo quanto affermato da fonti occidentali, l'Iran ha lanciato 185 droni, 110 missili balistici e 110 missili da crociera verso i territori occupati negli attacchi della scorsa notte, e si sostiene che la maggior parte di questi missili e droni sia stata intercettata; ma la realtà di base è diversa.

Primo punto importante: Gli attacchi missilistici e droni iraniani hanno avuto luogo mentre la rete di difesa aerea del regime israeliano era nello stato più preparato possibile e tutte le capacità militari di combattimento e informazione del regime, dai sistemi di difesa agli aerei da guerra, erano mobilitate al 100% per contrastare gli attacchi iraniani. Inoltre, tutte le capacità militari degli Stati Uniti e dei loro alleati, come l’infido governo della Giordania, sono venute in aiuto del regime israeliano. D’altro canto, tutti gli attacchi sono stati effettuati dal suolo iraniano, e sono stati coordinati con altri Paesi dell’Asse della Resistenza come Iraq e Yemen per astenersi dall’effettuare attacchi estesi con missili e droni. E infatti, l’Iran non ha sfruttato il potenziale della resistenza in Iraq e Yemen per saturare i sistemi di difesa del nemico! E da solo, con il lancio di decine di droni suicidi e missili da crociera, ha saturato i sistemi di difesa di Israele e degli Stati Uniti. Naturalmente, c’è un’eccezione per quanto riguarda gli obiettivi colpiti nelle alture di Golan settentrionali occupate, dove Hezbollah libanese ha contribuito a saturare i sistemi di difesa aerea in quest’area prendendo di mira con il suo attacco alcune posizioni di Israele nel nord della Palestina occupata.

Il punto è che la maggior parte dei missili da crociera, dei droni suicidi e persino dei missili balistici sono stati “lanciati con l’obiettivo di saturare i sistemi di difesa aerea”, e obiettivi predeterminati sono stati colpiti da una serie di altri missili balistici che sono passati attraverso le barriere difensive del regime israeliano. Questo metodo e approccio sono abbastanza comuni nel mondo per la gestione dei sistemi di difesa aerea. Quindi, non lasciatevi ingannare dalle bugie e dalla falsa propaganda dei mass-media sull’insuccesso e sull’intercettazione di tutti i missili e droni.

Secondo punto molto importante: l’attacco della scorsa notte “è stato solo un’ondata di attacchi” e le successive ondate di distruzione e distruzione non sono state effettuate! Nella dimensione militare convenzionale, questi tipi di attacchi vengono effettuati in diverse ondate per ottenere un’efficacia definitiva e reale. Negli istanti finali degli attacchi di ieri sera e mentre la prima ondata di attacchi volgeva al termine, i sistemi di difesa aerea del regime israeliano hanno cominciato a sperimentare la saturazione, ed è stato a quel punto che alcuni missili balistici, attraversando la barriera difensiva, hanno colpito le basi aeree di Nevatim e Ramon. Questo è esattamente il momento in cui avrebbero dovuto essere effettuate la seconda, la terza e le successive ondate per la distruzione degli obiettivi, ma l’Iran, nel vero senso della parola, si è “trattenuto”. La ragione di ciò è molto chiara ed evidente. Lo scopo dell’attacco con una “singola ondata” era quello di inviare un chiaro messaggio di avvertimento al regime israeliano, all’Occidente e ai suoi lacchè affinché comprendessero il potere dell’Iran e sapessero che, se la Repubblica Islamica dell’Iran lo desidera, è capace di schiacciare i suoi nemici e detrattori, e non dovrebbero più scherzare con l’Iran.

Terzo punto importante: nell’attacco di ieri sera, “nessuno” dei potenti e avanzati missili ipersonici iraniani come i tipi Fattah 1 e 2, o il missile Khorramshahr, e così via, è stato utilizzato. Gli attacchi di ieri sera sono stati effettuati utilizzando droni HESA Shahed 136 economici e poco costosi, semplici missili da crociera e missili Rezvan a propellente liquido a basso costo, che sono stati immagazzinati in grandi quantità e sono rimasti inutilizzati per lungo tempo. In effetti, questi armamenti sono stati utilizzati principalmente per saturare i sistemi di difesa aerea e, tra questi, alcuni missili a propellente solido come Haj Qasem e Kheibar Shekan sono stati poi utilizzati anche per attaccare e colpire gli obiettivi. Il risultato è che se la decisione dell’Iran fosse stata quella di utilizzare missili più avanzati, con questa stessa ondata di attacco, le vittime e i danni per il regime israeliano sarebbero stati molto maggiori di quelli a cui abbiamo assistito ieri sera.

Quando si tratta dell’onere finanziario e dei costi sconcertanti sostenuti da Israele, ci sono anche punti molto importanti da considerare. Puoi prestare attenzione alle cifre stimate per le operazioni di ieri sera. Citando FieldMarshal (https://twitter.com/FieldMarshalPSO), analista indipendente delle tecnologie industriali e di difesa iraniane, il costo approssimativo sostenuto dall'Iran per effettuare gli attacchi della scorsa notte è stimato come segue: 110 missili balistici: 30-50 milioni di dollari, 45 missili da crociera: 4-7 milioni di dollari e 170 Shahed droni: 4-5 milioni di dollari, per un totale di circa 38-62 milioni di dollari per l’Iran.

D’altro canto, però, i costi israeliani saranno sconcertanti: considerando un numero stimato di 300-400 aerei che probabilmente sarebbero rimasti in funzione per 4-10 ore, con un costo orario medio compreso tra 30.000 e 40.000 dollari, il costo sarebbe di 50-160 milioni. Il costo per intercettare missili da crociera e droni suicidi: 100-150 milioni di dollari, e il costo per intercettare missili balistici: 500-700 milioni di dollari. Tenendo conto del danno stimato causato dai missili balistici, compreso tra 100 e 500 milioni di dollari, il regime israeliano ha sostenuto un totale di 750 milioni di dollari nello scenario più pessimistico, o 1,5 miliardi di dollari nello scenario più ottimistico.

Questa quantità sconcertante di costi “solo per sopportare una notte di attacco unicamente per respingere un’ondata di attacchi” si traduce nel completo collasso economico dei sionisti. Se le battaglie continuassero anche solo per pochi giorni, l’economia del regime israeliano sarà completamente paralizzata e distrutta. Questo è un altro esempio chiaro ed evidente del fatto che i sionisti non hanno la capacità di impegnarsi in una guerra a lungo termine, o meglio ancora, nemmeno in una guerra a breve termine con la Repubblica Islamica dell’Iran, ed è per questo che sono estremamente preoccupati di rispondere agli attacchi iraniani della scorsa notte.

Quarto punto importante: come accennato, l’Iran non ha affatto utilizzato il potenziale degli altri paesi dell’Asse della Resistenza per attacchi estesi con missili e droni contro il regime infanticida sionista o per saturare i suoi sistemi di difesa aerea nell’attacco di ieri sera, e l’Iran da solo ha portato a termine l’operazione. Ora, immaginate se gli attacchi venissero effettuati simultaneamente ed estensivamente dalla Siria, dal Libano, dall’Iraq e dallo Yemen, e se anche l’Iran entrasse sul campo di battaglia con un gran numero di missili e droni in diverse ondate di attacchi; anche solo il pensiero di questo scenario è debilitante e molto doloroso per il regime israeliano. In ogni caso questa tappa è attualmente giunta al termine per vedere cosa sarebbe successo più tardi e per una giornata piovosa!

In definitiva, tutti gli eventi della scorsa notte hanno trasmesso diversi messaggi importanti a Israele e all’Occidente: il regime israeliano deve capire che anche se l'intero Occidente mobilita tutte le sue capacità di difesa per difendere lo spregevole regime sionista, la mano dell'Iran è ancora aperta per qualsiasi operazione di ritorsione e, quando lo desidera, può colpire con precisione e intensità gli obiettivi e punire il regime israeliano per i suoi crimini. L’“obiettivo militare” dell’operazione di ieri sera era l’attacco alla base aerea più importante del regime israeliano, vale a dire la base aerea di Nevatim vicino all’impianto nucleare di Dimona!! Ed è stato portato a termine con successo nonostante la presenza dei sistemi di difesa più concentrati al mondo e la base aerea predeterminata è stata colpita. Gli israeliani devono sapere che ogni punto dell’entità del regime israeliano è sotto il controllo e l’attacco dell’Iran, e le spavalderie e le minacce contro l’Iran non rimangono mai senza risposta… (fonte: Islamic World News)

Post recenti

Mostra tutti

Roma - Primo ministro palestinese in visita

Assadakah News - Il primo ministro e ministro degli Esteri dell'Autorità Nazionale Palestinese, Mohammad Mustafa, è in visita a Roma dove incontrerà il ministro degli Esteri Antonio Tajani, che ha dic

Commentaires


bottom of page