top of page

Beirut – Michel Aoun incontra Najib Mikati

Il Presidente della Repubblica, Generale Michel Aoun, ha incontrato oggi al Palazzo Presidenziale il Primo Ministro, Najib Mikati, e ha discusso con lui della situazione generale, alla luce degli incontri tenuti ieri dal Patriarca maronita Mar Bechara Boutros Al-Rahi, oltre a le relazioni tra i paesi del Golfo del Libano e le modalità per rafforzarle in tutti i campi.

Dopo l'incontro, il presidente Mikati ha dichiarato: “Il mio colloquio di oggi con Sua Eccellenza il Presidente rientra nel normale contesto degli incontri di routine che teniamo. Oggi abbiamo affrontato diversi temi, in particolare l'iniziativa del Patriarca che ha fatto ieri dopo la sua visita a Sua Eccellenza il Presidente e anche al Presidente Berri ea me. Ci auguriamo che possa vedere presto la luce, portando alla risoluzione del problema dell'interruzione dei lavori del Consiglio dei ministri, e al suo ritorno alla convocazione. Ci teniamo, signor Presidente ed io, che torniamo tutti al tavolo del Consiglio dei Ministri, in modo che su questo tavolo si trovi la ricerca per trovare le soluzioni richieste, ma la cosa più importante oggi è sgombrare l'atmosfera e correggere la pista giudiziaria che dovrebbe essere completamente purificato, secondo le leggi vigenti e la costituzione.

Nel corso dell'incontro si è anche toccato quello che è circolato ieri in merito all'intervista che è stata recentemente trasmessa al ministro dell'Informazione, e che è stata registrata più di un mese prima della formazione del governo. Il Presidente ha espresso, come ho sottolineato da parte mia, che questa intervista riflette l'opinione personale del ministro, e non l'opinione del governo né l'opinione di Sua Eccellenza, e noi ci teniamo alle migliori relazioni con i paesi arabi. È vero che ci allontaniamo dai conflitti, ma non ci allontaniamo da alcuna posizione araba di solidarietà con il Regno dell'Arabia Saudita e gli Stati del Golfo.

Quanto affermato dal ministro dell'Informazione non influirà sull'andamento generale, tanto più che le costanti della posizione libanese sui rapporti con i Paesi arabi sono state richiamate nella dichiarazione di politica ministeriale. Il Presidente ha sottolineato questo problema, e qui sottolineo la nostra unica posizione che questa affermazione non rappresenta l'opinione del governo, ma deriva da un'opinione personale prima che il governo fosse formato e non ne abbiamo sentito parlare, poiché l'intervista era trasmesso ieri. Questa è la strada che abbiamo deciso, nel senso che siamo ansiosi di avere i migliori rapporti con i Paesi arabi, e speriamo che questo problema si risolva”.

La questione giudiziaria nell'esplosione del porto di Beirut è legata alla riconvocazione del governo e, alla luce dell'atmosfera positiva in questo processo, si può dire che c'è un'atmosfera simile nella questione dell'esplosione del porto, con la questione della gli eventi di Tayouneh impongono lo stesso anche in questo campo. A tale proposito, il presidente Aoun ha dichiarato: “Di certo, è meglio non confondere le cose, ma affrontare ogni problema individualmente. Sulla questione della riconvocazione del Consiglio dei ministri, si cerca attraverso contatti di riportare il Consiglio alla riunione, mentre la magistratura svolge il suo ruolo senza alcuna interferenza politica con l'organo giudiziario, che deve correggere il corso all'interno della costituzione e delle leggi, e questa è la nostra richiesta. Quanto ai fatti di Tayouneh, l'inchiesta si sta svolgendo al suo interno, e il Consiglio dei ministri tornerà presto alla riunione a seguito delle consultazioni che stiamo svolgendo”.

Comments

Couldn’t Load Comments
It looks like there was a technical problem. Try reconnecting or refreshing the page.
bottom of page